Montagna da duri  I big tutti in gara
Valentina Belotti (Foto by Maurizio Torri)

Montagna da duri

I big tutti in gara

La corsa in montagna inizia a fare sul serio. Oggi e domani a Malonno i più forti camosci italiani affrontano una due giorni di “alta classe”

La corsa in montagna inizia a fare sul serio. Oggi e domani a Malonno i più forti camosci italiani, con i comaschi Francesco Puppi, Emanuele Manzi, Fabio Ruga, Valentina Belotti, Ilaria Bianchi e Gloria Giudici, affrontano una due giorni di “alta classe”. Di “contorno” saranno assegnati i primi tricolori giovanili del post covid, con le staffette Allievi/e e il Trofeo nazionale di staffette Cadetti/e.

Si inizia oggi con il PizTriVertikal mentre domenica, sempre al mattino, il classico FlettaTrail. Partenza da Moscio ed arrivo alla Malga Campel:3,5 km e 1.000 metri sempre in salita per il PizTriVertikal uno dei Kilometri verticali più duri, con gli ultimi 250 metri con pendenze “pazzesche”. Il record nel maschile è di Francesco Puppi che lo ha stabilito nel 2017. Il guanzatese però sarà in gara 24 ore dopo nella gara classica. Allora tutte le attenzioni sono su Valentina Belotti che dovrà vedersela contro la sua “bestia nera” la pluricampionessa austriaca Andrea Mayr, che l’anno scorso ha fatto il record con 39’55” (un tempo da top ten maschile). La “signora Manzi”,che ha debuttato due settimane fa nella Rougemont-Videmanette, sarà al via anche se non è ancora al top della condizione fisica dopo il lockdown. Palcoscenico nazionale per la “mamma di Olgiate” Ilaria Bianchi, che dopo due anni torna nel parterre che le appartiene. Nel maschile, con favorito Davide Magnini, toccherà ad Emanuele Manzi, tenere alto l’onore comasco. Francesco Puppi e Cesare Maestri due settimane fa erano “alleati” nella “Campiglio-Cima Tosa-Campiglio”, mentre oggi si contenderanno il successo nel FlettaTrail. (21 km con 1.100 metri di dislivello positivo e i gran premi della montagna, Tedda, Narcos, Campass e Plass di Pra del Bis). Favorito Maestri che ha vinto le ultime due edizioni, ma Puppi (che a fine giugno ha vinto il trofeo Ciolo, nel Salento) non starà a guardare. A dare fastidio i gemelli Bernard e Martin Dematteis, lo sloveno, Timotej Becan, l’irlandese Zak Hanna e il francese Sylvain Cachard. Poi Fabio Ruga ed Emanuele Manzi. Nel femminile con la favorita Alice Gaggi può fare bene l’appianese Gloria Giudici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA