Rane Rosa special edition: è l’A1
«Sono sereno, diremo la nostra»

Il raduno della neopromossa squadra femminile della Como Nuoto Recoaro

Rane Rosa special edition: è l’A1 «Sono sereno, diremo la nostra»
Stefano Pozzi tiene a rapporto le Rane Rosa
(Foto di Cusa)

A A Abbronzatissime. Il primo allenamento della prima stagione della storia in serie A1 val bene anche un look invidiabile. Oltre a sorrisi e tanto buon umore. Comincia sotto una buona stella l’annata delle Rane Rosa della Como Nuoto, radunate dal tecnico Stefano “Tete” Pozzi nella piscina di casa, in viale Geno.

Qualche assenza di rilievo (Gaia Lanzoni e Maddalena Fisco si aggregheranno nei prossimi giorni), qualche ritocco di mercato ancora da mettere a segno (sul fronte delle straniere, più che al Canada ora si guarda all’Australia), e il gioco è fatto.

Il tecnico comasco, quello della promozione, è stato molto chiaro: «Sarà un anno importante per tutti - ha detto - perché questa A1 ce la siamo conquistati e ora è giusto che ce la si goda. Io sono molto sereno, aspetto le mosse della società e arrivo financo a dirvi che, nel caso non trovassimo nessuna, sono pronto a giocarmela con questo gruppo. “Comasco” e che può dire la sua, senza necessariamente essere la vittima sacrificale e da retrocessione in partenza».

Concetti che, accompagnato dal suo vice Davide Malnati, ha voluto sottolineare anche il presidente Mario Bulgheroni, tornato apposta con un giorno d’anticipo dalle vacanze per esserci in una prima volta così speciale: «Divertitevi - ha detto il numero uno biancoceleste alle ragazze -, questo è il frutto del vostro impegno, della passione e delle vittorie».

E per le Rane Rosa è stato subito impatto con l’acqua. Per ora il minimo numero legale lo garantiscono le ragazze del vivaio, anche loro piene di entusiasmo visto che, pur di esserci, si sottopongono a doppi allenamenti, prima sotto le grinfie della capitana Maria Romanò (in veste di coach) e poi con Pozzi.

Pozzi che, dal canto suo, non ha voluto perdere tempo, dato che gli impegni incombono: «Partiti tardi? Macché - dice il tecnico -. Siamo in linea con gli altri club di A. E poi non dimentichiamoci che siamo stati l’ultima squadra a finire».

E, da stasera, straordinari in piscina, visto che comincerà la stagione anche la squadra maschile, ancora un cantiere aperto. Ma non c’è fretta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}