Pazza idea Yacht Club Como: la F1 «Il Mondiale potrebbe partire da qui»
Giancarlo Ge (a sinistra) e Guido Cappellini

Pazza idea Yacht Club Como: la F1
«Il Mondiale potrebbe partire da qui»

Avanzata la candidatura ufficiale: il presidente Ge ci sta lavorando con Cappellini

Allo Yacht Club Como si torna a parlare di Mondiale di Formula 1 Inshore, addirittura a settembre. Il post Covid-19, sperando ovviamente che continui ad andare tutto bene e si possa tornare alla normalità, porta anche nuove speranze ed obiettivi che nessuno avrebbe potuto immaginare nel duri mesi del lockdown.

A stimolare le iniziative sono soprattutto le difficoltà economiche che inevitabilmente oscurano l’orizzonte dei prossimi mesi e anche i grandi eventi sportivi debbono inevitabilmente proporsi a prezzi “scontati” se si vuole salvare una stagione già abbastanza compromessa e che rischia il fallimento totale.

È così che nel salone dello Yacht Club Como, rigorosamente a distanza di un metro, il presidente Giancarlo Ge e il dieci volte campione del mondo di Formula 1 Guido Cappellini hanno parlato della possibilità di svolgere già quest’anno una prova del Mondiale della massima serie motonautica.

L’evento manca a Como dal 2006 e potrebbe tornare molto presto, appunto a settembre, come apertura della stagione, che potrebbe proseguire a Portimao in Portogallo ad ottobre, poi in Cina e che si concluderebbe, come sempre, a dicembre negli Emirati Arabi Uniti. Nei prossimi giorni arriverà a far visita al club comasco il promoter Nicolò Di Sangermano e verranno messe le carte in tavola alla presenza di Giancarlo Ge, Guido Cappellini , attuale t.m del Team Abu Dhabi e il presidente della Federazione Italiana Motonautica, Vincenzo Iaconianni.

«Potrebbe essere un’occasione da non perdere – non ha dubbi Cappellini – perché il momento pare essere favorevole riguardo all’andamento dell’epidemia. Se ripartono la Formula 1 e il Motogp, sicuramente si rimette in moto anche tutto il settore sportivo e l’indotto che ruota attorno. Como storicamente è una delle località tra le preferite dai team ,che non vedono l’ora di ripartire. Avremmo in gara almeno 24 barche con lo spettacolo che i comaschi ben conoscono».

Per la cronaca il circuito di Como è uno dei più tecnici e spettacolari al mondo. Guido Cappellini ha vinto “in casa” ben cinque volte da pilota ed ora punta ad iniziare la serie da team manager (in tale veste, negli ultimi cinque anni ha portato ad Abu Dhabi ben 10 Mondiali). «Ho accolto con entusiasmo la proposta di Guido – assicura Giancarlo Ge – dal momento che la Formula 1 sarebbe un grande evento per la nostra città come lo è sempre stato in passato e lo diventerebbe ancor più in questi momenti nei quali c’è bisogno che l’economia riparta. Nell’incontro con Nicolò Di Sangermano valuteremo tutti gli aspetti di una eventuale nostra presa in carico della manifestazione, sia per i costi cui andremmo incontro sia sulle sponsorizzazione che ritengo si potranno trovare».

Anche Vincenzo Iaconianni, ovviamente, ha accolto con entusiasmo la proposta. «In questi giorni è stata avanzata la richiesta di organizzare una prova mondiale a Cagliari – precisa il numero uno della Fim – e se andasse in porto anche Como, l’Italia tornerebbe protagonista della Formula 1 inshore. La nostra federazione nazionale darebbe sicuramente il suo supporto all’evento, con le regole che la distinguono nell’ambito della federazione internazionale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA