Sofia Busato, che jella  Infortunio in allenamento
Sofia Busato

Sofia Busato, che jella

Infortunio in allenamento

La sedicenne di Sagnino la mattina di Pasqua, a Cluj (Romania), si stava esercitando al volteggio, in vista degli Europei. Prima diagnosi: rottura del legamento crociato di un ginocchio

Una sfortuna pazzesca. Il campionato europeo di artistica femminile è finito prima ancora di iniziare per Sofia Busato. La sedicenne di Sagnino si è infortunata la mattina di Pasqua mentre si stava allenando a Cluj al volteggio, in vista dei continentali assoluti.

La prima diagnosi, effettuata nell’ospedale della città rumena, ha escluso fratture, ma indica la rottura del legamento crociato del ginocchio. Addio Europei e all’orizzonte un intervento chirurgico e una sosta decisamente lunga, per la ripresa. Busato ovviamente è distrutta. Anche perché la giovane campionessa sta rivivendo la brutta esperienza dell’estate scorsa quando, sempre per un infortunio, dovette rinunciare alla più che probabile partecipazione alle Olimpiadi di Rio.

Certo gli Europei sono meno importanti – e non arrivano ogni quattro anni – ma doverci rinunciare a pochissime ore dall’inizio, fa decisamente male. Il forfait forzato fa male anche all’Italia che puntava tutte le ambizioni di medaglia sul talento della Polisportiva Fino Mornasco, tra le big al volteggio.

«Si è fatta male domenica mattina durante la seduta di allenamento, provando il volteggio -spiega l’allenatrice finese Laura Rizzoli, presente a Cluj -. Non c’è niente di rotto a livello osseo ma con molta probabilità c’è la rottura del crociato. Al rientro in Italia, si valuterà dove e da chi farla operare».

Distrutto il presidente della Polisportiva Fino Mornasco, Arduino Francescucci. «Conosco Sofia e sono sicuro che tornerà ai vertici mondiali che le competono:Tokyo è lontana e Sofia ha solo sedici anni – il suo pensiero su Facebook -. Ti sarò vicino per quanto possibile. Tira fuori il tuo carattere».

Dalla redazione sportiva de La Provincia: «Auguri a Sofia per una pronta guarigione»


© RIPRODUZIONE RISERVATA