Tricolori Juniores  I comaschi in gara
atletica luca ballabio nel martello (Foto by lariosport lariosport)

Tricolori Juniores

I comaschi in gara

Grosseto ospita sino a domenica oltre ai tricolori Under 20 anche quelli per la categoria Promesse (Under 23) per un totale di 1.500 atleti iscritti

Toccherà a Luca Ballabio aprire domani mattina alle ore 10 al campo Nilo Palazzoli (uno dei tre impianti oltre allo stadio Carlo Zecchini e al campo scuola Bruno Zauli) i Campionati italiani Juniores per la spedizione comasca. Grosseto ospita sino a domenica oltre ai tricolori Under 20 anche quelli per la categoria Promesse (Under 23) per un totale di 1.500 atleti iscritti.

Il lanciatore di martello dell’Atletica Mariano è anche una delle speranze comasche di medaglia, avendo la terza misura di accredito. Le staffette possono portare soddisfazioni, anche d’oro. Nella 4x100 Promesse la carughese Gaia Pedreschi (individualmente può puntare alla finale sia nei 100 che nei 200) con le compagne dell’Atletica Brescia Chiara Melon, Anna Polinari e Alessia Pavese, ha il miglior tempo, oltre ad essere fresche campionesse italiane assolute.

Sempre nella 4x100, ma Under 20, Clarissa Boleso (farà anche i 400 individuali) con l’Atletica Lecco (Lisa Galluccio, Alessia Gatti e Veronica Besana, allenata dal coach rovellaschese Flavio Alberio) dovrebbe lottare con Brescia per il tricolore.

Nel martello attenzione anche a Davide Pirolo (Cus Insubria) negli Under 23, che ha il terzo accredito. Il settore lanci vede al via poi Gabriele Castagna (Cus Pro Patria Milano) quinto accredito nel peso Juniores; Pietro Roncareggi (Atl. Lecco) nel disco Junior; Giovanni Passamonti (Bernatese) nel giavellotto Juniores; Aya Sebai (Atl. Mariano) nel martello Juniores e Marika Sironi (Atl. Lecco) nel martello Promesse.

In pista Davide Lunghi (Atl. Mariano) nei 200 e nei 400 Juniores; Paola Corradi (Atl. Rovellasca) nei 400 ostacoli Juniores; Chiara Fumagalli (Atl. Mariano) negli 800 Promesse. Nel lungo Promesse l’ex Atletica Rovellasca, Federica Maggi.n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA