Via al Challenger Città di Como Basta pronostici, è ora di giocare
Salvatore Caruso è il campione in carica (Foto by Butti)

Via al Challenger Città di Como
Basta pronostici, è ora di giocare

Con i primi incontri di singolare, prime partite da stamattina a Villa Olmo

Inizia questa mattina con i primi incontri di singolare la 14esima edizione del Challenger di Tennis “Città di Como”: in palio 46mila euro di montepremi e svariati punti Atp.

Il grande tennis arriva sui campi in terra rossa di Villa Olmo, gestiti dal Tennis Como, per una settimana di spettacolo assicurato, con grandi firme al via.

Già a Como le due teste di serie numero 1 e 2, vale a dire Stefano Travaglia e il detentore del titolo, Salvatore Caruso (ieri si sono anche allenati insieme), il circolo è in fibrillazione per l’avvio della manifestazione, a cui si lavora ormai da mesi.

Quarantotto iscritti al torneo di singolare “Banca Intesa”, sedici le coppie che si esibiranno nel doppio “Bianchi Group”, tra cui una molto attesa perché giocherà “in casa”. Si tratta infatti del tandem formato dai due cugini canturini Arnaboldi, Andrea e Federico. Andrea si è allenato al circolo, di ritorno dagli Stati Uniti, dopo la mancata qualificazione agli Us Open, mentre Federico ha impressionato al Challenger di Cordenons. I due saranno dunque in gara nel doppio – il torneo inizierà domani -, attrattiva per tutti gli appassionati di tennis del territorio.

Altra presenza importante nel tabellone di doppio sarà quella di Simone Bolelli (che vinse a Como in singolare nel 2006, anno della prima edizione del “Città di Como”) e Andrea Pellegrino: Bolelli, in coppia con Fabio Fognini, nel 2015 vinse gli Australian Open di doppio.

Si inizia a partire dalle 10 con i match di qualificazione e i primi turni del tabellone principale. Attrazione della giornata sarà, non prima delle 18, il carrarese Lorenzo Musetti, 17 anni, vincitore quest’anno dell’Australian Open Junior e in tabellone a Como con una wild card.

Il toscano sfiderà Julian Ocleppo, altra wild card. Musetti sarà preceduto dal match di Gianluigi Quinzi contro lo svedese Markus Eriksson. Quinzi, oggi 23enne, nel 2013 si era aggiudicato Wimbledon Junior. Nel tabellone principale, in campo però domani, saranno impegnati subito tennisti molto attesi, tra cui proprio Arnaboldi, in una partita già impegnativa contro il francese Sadio Doumbia, numero 291 al mondo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA