Alzate Brianza, «Signora, c’è una fuga di gas». Anziana truffata da finti tecnici

La coppia di malviventi ha millantato di intervenire su indicazione del Comune. Spariti con soldi e preziosi

Alzate Brianza, «Signora, c’è una fuga di gas». Anziana truffata da finti tecnici
L’edificio a sinistra è l’accesso alla corte dove abita la vittima

I finti tecnici di una società di servizi. Arrivati con la scusa di una finta fuga di gas.Si sono pure inventati di essere arrivati a Mirovano, frazione di Alzate, su segnalazione del Comune. In realtà: erano truffatori. Si sono presi il denaro e l’oro che una signora anziana, ottantenne, aveva in casa.

È successo in questi giorni nelle vicinanze del civico 2250 - numerazione all’americana: si contano i metri a partire dall’inizio della strada di via Manzoni, la lunga via che attraversa Fabbrica Durini e, appunto, Mirovano - in piena mattinata. Verso le 11. Dall’altra parte della strada rispetto al ristorante “Il Fungo”. Si sono presentati come funzionari, viene riferito, dell’Enel. Che si occupa, come è noto, oltre che di luce, anche di distribuzione del gas.

«Signora, c’è un problema che ci è stato segnalato dal Comune, una perdita di gas», il senso delle parole con cui si sono presentati alla porta. La signora, vista la situazione di emergenza, ha fatto quello che comunque non si dovrebbe fare, anche se in questo caso si comprende il momento di allarme: ha aperto la porta di casa. I truffatori hanno preso soldi e gioielli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}