Bimbo delle elementari positivo  Classe in quarantena a Mariano
Da sinistra la preside dell'istituto comprensivo IV Novembre, Silva Mannoni, il sindaco Giovanni Alberti con l'assessore all'Istruzione , Loredana Testini

Bimbo delle elementari positivo

Classe in quarantena a Mariano

Lo studente della “Dante Alighieri” di via dei Vivai si era sentito poco bene a casa. La preside: «Subito attivato il protocollo per i 17 compagni». Saranno sottoposti a tampone

È accaduto quello che tutti volevano evitare: l’elementare “Dante Alighieri” di via dei Vivai ha registrato il primo caso positivo al coronavirus, uno studente della classe quinta, sentitosi poco bene mentre si trovava a casa. Febbre, tosse e raffreddore sono stati i campanelli d’allarme che hanno spinto il pediatra a sottoporlo al tampone. A distanza di due settimane dalla ripresa della scuola, pochi giorni dopo stoppata dalle votazioni per il referendum, lunedì è arrivato l’amaro esito del test sanitario.

Lezioni in presenza “sospese” da martedì, ma solo per la sua classe: per tutte le altre proseguono regolarmente. Ognuno dei suoi diciassette compagni, invece, sarà chiamato a fare il tampone per verificare o meno la positività al coronavirus prima di poter rientrare in classe.

Mentre il bambino scopertosi vulnerabile all’infezione virale sta seguendo il percorso che lo porterà verso la guarigione, un passaggio che dovrà essere certificato da due tamponi negativi effettuati a distanza di ventiquattro ore l’uno dall’altro come indicato sul sito del Ministero della Salute.

Quattordici i giorni di quarantena obbligatoria prima di poter tornare in classe. Così mamma e papà si sono ritrovati nuovamente a gestire i figli a casa a distanza di due settimane dal suono della prima campanella dell’anno, coltivando la speranza di poter rimandare i bambini a lezione alla fine del periodo di isolamento, fissata per metà ottobre.

«La scuola ha seguito il protocollo dettato dall’Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria» ha spiegato la dirigente dell’istituto comprensivo “IV Novembre” in cui rientra il plesso, Silvia Mannoni.

Nessuna ricaduta sui servizi accessori della scuola. «Questo bimbo non era andato in mensa e non utilizza il trasporto scolastico quindi non c’è stata alcun problema legato alla fruizione del servizio o degli spazi comuni in istituto, come abbiamo potuto verificare una volta venuti a conoscenza della sua positività al tampone», spiega l’assessore con delega all’Istruzione, Loredana Testini che assicura il monitoraggio di ogni segnalazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA