Cantù, sede di Forza Nuova  nella via del partigiano  «Sfregio alla memoria»
La targa della via intitolata al partigiano ucciso a soli 20 anni nel 1945

Cantù, sede di Forza Nuova

nella via del partigiano

«Sfregio alla memoria»

Venerdì l’inaugurazione dei locali a Cantù

La nuova sede provinciale di Forza Nuova Lario aprirà venerdì pomeriggio. A Cantù. In via Angelo Longoni. La strada è intitolata alla memoria di un partigiano che, nel 1945, proprio in quel punto, fu ucciso, a 19 anni, da una ronda di ufficiali della Ss italiana. L’Anpi di Como, con il presidente provinciale Guglielmo Invernizzi, si dice indignato dal fatto che la sede aprirà nella via dove spararono a Longoni. «Sono sconcertato, è una vergogna - dice il rappresentante dell’associazione nazionale dei partigiani - direi che è uno sfregio alla memoria».

Si difende Franco Liva, esponente cittadino di Forza Nuova. «Sapevamo a chi era intitolata la via, ma è vero anche che prima la strada aveva un altro nome - dice - Comunque, questo non significa che pensiamo debba essere cambiato il nome alla via. Nessun affronto agli altri avversari politici. La sede, lì, l’avremmo presa lo stesso».

Dopodomani, alle 15, per l’inaugurazione, negli spazi presi a fianco di un bar pizzeria ristorante, al civico 17, è annunciata anche la presenza di Roberto Fiore, il segretario nazionale di Forza Nuova. Si rimarca come in questi ultimi dieci anni Forza Nuova, a Cantù, si sia distinta ad esempio per le quattro edizioni del festival Boreal - il raduno dell’ultradestra avvenuto negli anni in cui era sindaco Claudio Bizzozero, civica Lavori in Corso - al Campo Solare. Che poi, su petizione, è stato intitolato ai Partigiani Canturini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA