Carimate, baby vandali nel parcheggio  «Il conto dei danni lo pagherà papà»
Uno scorcio del municipio del paese (Foto by archivio)

Carimate, baby vandali nel parcheggio

«Il conto dei danni lo pagherà papà»

Il Comune chiede ai genitori di 4 ragazzi la pulizia dell’area e la ricarica degli estintori

Per divertimento, hanno imbrattato il parcheggio sotterraneo in pieno centro paese svuotando gli estintori.

Un danno da circa 500 euro, che ora il Comune ha intenzione di farsi rimborsare dalle loro famiglie. Non solo per non pesare sulle casse del municipio ma anche per dare un segnale forte, visto che gli episodi di vandalismo compiuti da giovanissimi si moltiplicano, al punto che si renderà necessario installare nuove telecamere di videosorveglianza nei parchi.

Protagonisti quattro adolescenti, attorno al 14 anni, che in aprile sono entrati in azione nel parcheggio sotterraneo all’ombra del castello, affacciato sulla piazza, chiamato Corte Nuova.

Il gruppetto, per ammazzare il tempo, ha staccato gli estintori appesi alle pareti e ha imbrattato di schiuma le auto in sosta e il pavimento del parcheggio. E non era neppure la prima volta che accadeva una cosa simile.

Stavolta, però, qualcuno se n’è accorto e ha chiamato la polizia locale, la cui sede è a poche decine di metri di distanza.

E nonostante i ragazzini abbiano inforcato le proprie biciclette non sono riusciti a sfuggire alle due agenti in servizio in paese. Colti con le mani nel sacco e identificati. Per rimediare a questa bravata il Comune ha dovuto far pulire il parcheggio, per una spesa pari a 366 euro, e poi ricaricare gli estintori, altri 118 euro. Totale 484 euro, già pagati dall’ente a chi ha eseguito gli interventi. Ora però – dati i tempi della pubblica amministrazione - la giunta guidata dal sindaco Roberto Allevi ha stabilito di autorizzare l’ufficio tecnico comunale a chiedere il rimborso di queste somme, il cui ammontare dovrà essere equamente ripartito fra le famiglie dei quattro ragazzi identificati, quindi 121 euro ciascuna.


© RIPRODUZIONE RISERVATA