Molteni: «Furti, allarme vero  con le nuove forze più pattuglie serali»
Nicola Molteni, sottosegretario all’Interno

Molteni: «Furti, allarme vero

con le nuove forze più pattuglie serali»

Intervista al sottosegretario all’Interno Nicola Molteni dopo la raffica di furti a Cantù, dove vive l’esponente del Governo

Una raffica di furti, nella Cantù dove vive il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, Lega, braccio destro al Viminale del vicepremier della Lega Matteo Salvini. Nella Cantù dove c’è stato anche un potenziamento delle forze dell’ordine, con un maggior numero di Carabinieri arrivati nei mesi scorsi. Ma le prime vere giornate autunnali, con il ritorno all’ora legale, e il buio che cala già nel tardo pomeriggio, hanno preoccupato i cittadini. Che, con i ladri, hanno dovuto fare i conti. «Il potenziamento consistente ha recuperato delle pesanti scoperture di organico - dice Molteni - non vuol dire azzerare i furti, ma ci consente di avere più uomini e pattuglie sul territorio, anche nelle fasce delicate, dopo le cinque di sera». E se qualcuno teme che possa non essere abbastanza, è lo stesso Molteni ad annunciare nuove iniziative direttamente dal Governo. Come la volontà di dotare anche gli agenti di polizia locale dei centri al di sotto dei 100mila abitanti, e quindi anche Cantù e centri medi, di taser: le pistole elettriche. E poi, 90 milioni di euro per la videosorveglianza. E lo sblocco delle assunzioni per avere più uomini in divisa. Sulla legittima difesa, cavallo di battaglia di Molteni: «Sul comodino, meglio un libro che la pistola sul comodino. Ma capisco il diritto a difendersi».

Molteni, ha visto l’assalto di questi giorni?

Diversi appartamenti nel mirino dei ladri soprattutto a Cantù. Che cosa ne pensa?

Quello dei furti è un gravissimo allarme sociale, in tema di sicurezza e di ordine pubblico, che qualcuno, prima, ha pensato di non ritenere tale. Io lo ritenevo prima e lo ritengo tale anche oggi, ed è il motivo per cui ci siamo impegnati con un consistente potenziamento della stazione dei Carabinieri di Cantù e della Compagnia stessa

L’intervista completa sul quotidiano di giovedì 1 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA