Parchi e cimiteri a Cantù
Arrivano cento telecamere

Un progetto da un milione e 200mila euro per il quale verrà chiesto un finanziamento statale

Parchi e cimiteri a Cantù Arrivano cento telecamere
Telecamere in Piazza Garibaldi a Cantù

L’obiettivo, riuscire a controllare la città tutta intera, dal centro alle frazioni, soprattutto i punti più vulnerabili, che negli ultimi anni si sono dimostrati i parchi, spesso teatro di vandalismi. E i cimiteri, per tutelare soprattutto gli anziani.

Per questo l’amministrazione intende ampliare ulteriormente il sistema di videosorveglianza, e in maniera importante: 25 nuove postazioni dotate di quattro videocamere ognuna per un totale di 100 e quattro ulteriori occhi elettronici con lettura targhe per monitorare gli accessi alla zona a traffico limitato sul crinale, in via Matteotti e via Annoni.

Progetto ambizioso, da un milione e 200mila euro, approvato dalla giunta nel corso dell’ultima seduta della giunta, come passo preliminare necessario per la richiesta di finanziamento per la realizzazione dell’impianto.

«Un progetto da attuare in tre lotti – spiega l’assessore alla Sicurezza Maurizio Cattaneo - sul triennale 2022-2024. e che ci permetterebbe di monitorare tutti gli spazi pubblici. Abbiamo bruciato i tempi per predisporlo, in modo da non perdere l’occasione di partecipare, e speriamo che la nostra proposta venga finanziata. Siamo ottimisti».

Sul quotidiano La Provincia in edicola giovedì 9 dicembre la mappa di dove verranno installate le telecamere

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}