Tangenzialina Cantù-Cucciago  Si torna a bussare in Regione

Tangenzialina Cantù-Cucciago

Si torna a bussare in Regione

L’assessore Di Febo ha portato il caso del collegamento al tavolo della competitività: era stato il governatore Maroni a impegnarsi a sostenere il progetto da 2,2 milioni di euro

Tema sempre sotto i riflettori quello della viabilità, che vedeva tanti progetti in programma. Ma, causa mancanza di risorse e mancanza di riscontro dagli enti superiori e – quando non una vero e proprio impedimento, vedi la tangenziali di Fecchio – poco o nulla s’è potuto fare.

L’eredità che questa maggioranza lascerà a chi verrà dopo di lei, quantomeno, è aver cercato di far varcare alla questione i confini cittadini, visto che il Tavolo per la Competitività e lo Sviluppo della Provincia di Como ha deciso di arrivare a redigere un documento condiviso per cercare di sbloccare i fronti aperti. Ad annuncialo con soddisfazione è l’assessore ai Lavori Pubblico Paolo Di Febo, che si augura si possa finalmente avere qualche riscontro in merito alla Canturina Bis.

«Ci siamo occupati della viabilità canturina – conferma Di Febo – e c’è stato accordo sull’intenzione, nelle prossime sedute, di proporre un ordine del giorno anche su questo argomento. Per giungere a un documento condiviso dal tavolo per sbloccare le risorse necessarie a realizzare opere attese da anni che potrebbero alleggerire la viabilità cittadina». E pensare che lo stesso presidente della Lombardia Roberto Maroni, in visita alla sede della Pallacanestro Cantù, s’era speso dicendosi disponibile a sostenere il progetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA