Como, una rissa   che costerà cara
Il momento in cui si è scatenata la rissa a Pescara (Foto by Creazioni Editoriali)

Como, una rissa

che costerà cara

Bagarre al fischio finale a Pescara: Basha espulso, Barella si avventa su Benali, Kukoc litiga con un poliziotto

Non bastasse il resto, ci mancava pure il Far West. E un rissone nel finale della partita di Pescara che avrà ovviamente strascichi. La cui entità si valuterà martedì quando il giudice sportivo emetterà le sue sentenze.

Ma che cosa è successo in quel convulso finale? Succede che Basha e Memushaj - tra l’altro entrambi albanesi nonchè compagni di nazionale, con cui sono stati insieme in ritiro per dieci giorni sino a mercoledì scorso - si sono beccati proprio negli ultimi minuti, Basha commette un fallo quando l’arbitro scodella la palla a due e Memushaj se ne impadronisce. L’arbitro lo espelle. Pochi secondi dopo l’espulsione di Basha arriva il fischio finale, e nello stesso istante Bessa fa un fallo su Benali, che cade a terra. La tensione è già altissima, e lì si scatena la bagarre. Il giocatore libico del Pescara perde visibilmente la testa, soprattutto in seguito a uno scontro faccia a faccia con Barella, che nel frattempo si è alzato di scatto dalla panchina . Il tutto nel caos generale, in cui chi non stava litigando stava dividendo chi lo faceva.

La furia di Benali ha fatto pensare che da parte del giocatore comasco fosse stata pronunciata qualche frase offensiva nei confronti dell’avversario, un’ipotesi che è circolata nelle ore successive alla partita, ma non suffragata da alcuna testimonianza, quindi molto probabilmente infondata. .

C’è però un altro giocatore che ha avuto un battibecco acceso molto particolare a fine gara, con un funzionario di polizia. Si tratta di Tonci Kukoc, che stando a quanto ricostruito era uno dei più infervorati nel momento della rissa. Si è parlato di uno spintonamento, proseguito anche dopo che il funzionario in borghese si è inequivocabilmente qualificato. Il che ha fatto pensare che la posizione di Kukoc potesse avere conseguenze diverse da quelle della semplice sanzione sportiva, anche se non ci sono al momento state conseguenze di alcun tipo. Saranno almeno due, invece, le giornate per Barella e forse anche per Basha. Il Como tra l’altro perderà anche Madonna, che è stato ammonito ed era diffidato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA