Fino, centinaia di pesci morti nel Seveso  «Bisogna capire perché è successo»
Gianni introzzi indica un pesce morto in zona mulino Tommasone

Fino, centinaia di pesci morti nel Seveso

«Bisogna capire perché è successo»

All’inizio della settimane le acque del fiume si sono colorate

Strage di pesci nel Seveso, tra la cascata del Sasset e il mulino Tommasone ieri e l’altro ieri sono morti centinaia di vaironi.

Dalla serata di lunedì alcuni residenti della valle dei mulini, al confine tra Fino Mornasco e Cucciago, hanno segnalato un forte odore nell’aria, molto acre, non di liquami.

La mattina seguente diversi cittadini hanno notato nelle acque del fiume, come pure nelle rogge che scorrono sotto ad Andrate, decine di pesci fluire senza vita spinti dalla corrente, oppure finire arenati contro le rive e le rocce.

Nel primo pomeriggio, durante un sopralluogo, si vedevano ancora centinaia di pesciolini a galla, nella vicina cascata dietro al mulino Tommasone era impossibile non notarli, erano davvero tanti, tutti morti e rimasti prigionieri delle onde a mulinello.

Ma anche oltre al ponticello che c’è prima del benzinaio, lungo la statale, era facile vedere affiorare dal fiume frotte di vaironi incastrati nelle alghe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA