Quanti incidenti a Lipomo  Due morti e 128 feriti in 5 anni
Uno dei grafici contenuti nello studio piano del traffico che evidenzia gli incidenti concentrati sulla Briantea

Quanti incidenti a Lipomo

Due morti e 128 feriti in 5 anni

Il piano del traffico ha fatto emergere il dato preoccupante: 76 sinistri solo sulla Briantea: «Il tratto più pericoloso anche per i pedoni è proprio il km della Provinciale attraverso il paese»

La Briantea è una strada pericolosissima: più di cento incidenti a Lipomo in cinque anni con 128 feriti e 2 morti. L’amministrazione comunale lipomese sta costruendo il piano del traffico e il primo e più importante problema riguarda proprio la sicurezza dei pedoni degli automobilisti.

Il numero dei sinistri che si sono verificati negli ultimi anni, per la stragrande maggioranza sulla strada provinciale, è allarmante. La società Polinomia per conto del Comune in uno studio ha analizzato l’incidentalità stradale, costruendo una mappa con tutti gli scontri e gli investimenti rilevati dalle forze della pubblica sicurezza, quindi al netto di tutti quei tamponamenti finiti con una constatazione amichevole o una stretta di mano.

«Nel complesso dalla metà del 2010 alla fine del 2015 sono stati riscontrati 101 incidenti che hanno causato 128 ferimenti e 2 morti - si legge nello studio – con un andamento oscillante, salvo per gli investimenti dei pedoni dove si nota un trend negativo, i ciclisti che si avventurano sulla provinciale invece sono troppo pochi per dare significative indicazioni».

Sono 76 gli incidenti avvenuti sulla Briantea, di questi 20 per l’investimento di un pedone, 10 invece sono i sinistri avvenuti sulla via per Montorfano e 15 quelli successi sulle altre strade del paese.

«Dall’analisi delle mappe si conferma l’alta frequenza degli incidenti su tutta la tratta urbana della Briantea – scrivono ancora i tecnici di Polinomia – risulta evidente il pericolo per l’investimento dei pedoni soprattutto nella vicinanza delle intersezioni con via Belvedere e con via Camponuovo, in prossimità del supermercato Esselunga».

Lungo quel chilometro di strada passano al giorno 45mila veicoli, con punte che arrivano fino a 60mila. In un normale giorno settimanale tra le 17.30 e le 17.45, un quarto d’ora, sono stati contati 950 mezzi in transito dalle rotatorie lipomesi, quindi tra l’incrocio con via Montorfano e l’incrocio con via Oltrecolle. Vuol dire più di sessanta macchine al minuto, più di una macchina al secondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA