Svizzera, non basta la multa

Per l’autovelox anche condanna penale

Primo caso in Ticino di un automobilista condannato a una pesante sanzione penale per non avere rispettato il limite di velocità di 100 all’ora in autostrada a Chiasso

Svizzera, non basta la multa Per l’autovelox anche condanna penale
Nell’immagine tratta da Google Maps il punto in cui inizia il limite di 100 all’ora: l’autovelox è installato alcune centinaia di metri più avanti

Non bastano le 68.382 multe in due mesi. L’autovelox fisso che le autorità svizzere hanno installato sull’autostrada A2 a Balerna in direzione Italia, un paio di chilometri prima della frontiera di Brogeda, dopo avere fatto incassare a Berna circa otto milioni di franchi, incomincia a comincia a mietere vittime anche sul fronte penale.

Come scrive oggi il Corriere del Ticino è approdato davanti alla Pretura penale il primo caso penale legato a una multa inflitta con l’autovelox. Imputato un ticinese di 49 anni della zona di Locarno che, secondo l’accusa, ha provocato «un serio pericolo per la sicurezza altrui, in particolare per aver circolato» con la sua auto «alla velocità di 146 km/h (dedotto il margine di tolleranza), malgrado il vigente limite di 100 km/h».

L’infrazione risale alle 5.40 del mattino del 21 giugno scorso. L’automobilista è stato condannato ad una pena pecuniaria di 45 aliquote giornaliere da 150 franchi (per un totale di 6.750 franchi) e a una multa di 900 franchi. In più gli è stata revocata la patente per tre mesi.

Non è chiaro a che punto scatti l’imputazione di avere rappresentato «un serio pericolo per la sicurezza altrui», certo è che non sarà il primo caso a finire davanti al giudice. Uomo avvisato...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True