A processo e premiati

I due dirigenti comunali

incassano 28 mila euro

Pietro Gilardoni e Antonio Ferro, accusati nell’inchiesta paratie e appalti pubblici, riceveranno le indennità di risultato del 2015

A processo e premiati I due dirigenti comunali incassano 28 mila euro
Como - Pietro Gilardoni (primo a destra) e al suo fianco Antonio Ferro
(Foto di Carlo Pozzoni)

A processo e premiati. I dirigenti comunali Pietro Gilardoni e Antonio Ferro, coinvolti nell’inchiesta su paratie e appalti pubblici, hanno ottenuto regolarmente dall’amministrazione cittadina il “premio” per i risultati raggiunti. L’indennità era stata inizialmente congelata dal Comune, visto che i due ingegneri erano sottoposti a misure di custodia cautelare.

Ora sono liberi e di conseguenza è stata revocata anche la sospensione dal servizio. Da Palazzo Cernezzi hanno fatto sapere che «si è proceduto al pagamento dell’indennità di risultato». Il bonus si riferisce al lavoro svolto nel 2015, gli avvisi di garanzia erano arrivati l’11 gennaio 2016.

Gilardoni ha incassato 15.935 euro e si piazza quindi al quarto posto nella classifica dei dirigenti comunali con la valutazione più alta (davanti a lui Raffaele Buononato, Giuseppe Cosenza e Donatello Ghezzo), per Ferro invece 12.437 euro e sesta posizione (quinta è Maria Antonietta Marciano).

I DETTAGLI SUL GIORNALE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}