Beffa per Camerlata  Opere da 1,5 milioni  in ritardo di un anno
Torna al centro dell’attenzione il quartiere di Camerlata

Beffa per Camerlata

Opere da 1,5 milioni

in ritardo di un anno

Via Varesina e Giussani, interventi ancora al palo

Il motivo? Espropri non effettuati e reti da monitorare

Il centro commerciale targato Esselunga ha aperto ufficialmente lo scorso ottobre dopo aver realizzato la grande piazza, il ponte pedonale su via Badone e l’allargamento della carreggiata. Il piano di interventi sul quartiere prevede complessivamente 7,4 milioni di oneri di urbanizzazione. Poco meno della metà (3,4 milioni) versati nelle casse comunali e il resto in opere pubbliche. Da realizzare, per un valore di 1,5 milioni, mancano gli interventi di riqualificazione di via Varesina con la rotatoria all’incrocio con via Lissi e ancora quelli lungo via Giussani (due rotatorie, pista ciclabile) e su via D’Annunzio.

La riqualificazione di via Varesina, con spartitraffico, attraversamenti pedonali ed eliminazione del semaforo ha un costo stimato in 221mila euro. Ci sono anche, come detto, la riduzione del calibro di via Giussani attraverso attraversamenti pedonali, una rotatoria tra via Di Vittorio e via Grilloni e una pista ciclabile da via Pasquale Paoli alla Varesina (1. 3 milioni di euro di interventi).

I cantieri, però, non partiranno prima del 2018. Il motivo? Una serie di complicazioni emerse in corso d’opera, soprattutto a Palazzo Cernezzi.

Il servizio completo su La Provincia in edicola oggi


© RIPRODUZIONE RISERVATA