Blitz dei no vax nelle scuole        «I vaccini uccidono i bimbi»
Il muro della scuola di via Sinigaglia imbrattato dai no vax

Blitz dei no vax nelle scuole

«I vaccini uccidono i bimbi»

Imbrattati i muri e il cancello di elementari e medie in via Sinigaglia e in via Brambilla

La strategia dello spray. Nonostante il blitz di due settimane fa della Digos, che anche a Como ha denunciato un uomo considerato la mente del gruppo no vax e no Green pass ’V_V’ (Voce di lotta non violenta per la libertà e i diritti umani), le azioni degli autodefiniti “guerrieri” non si fermano. E a Como il gruppo che si firma della doppia V racchiusa in un cerchio colpisce due scuole cittadine.

L’ultimo obiettivo di chi ha deciso che il proprio scopo nella vita è dichiarare guerra ai vaccini che stanno arginando la peggiore pandemia dei tempi moderni, sono le scuole di via Sinigaglia e di via Brambilla.

Nella notte una o più mani al momento ignote hanno imbrattato il cancello d’ingresso dell’Istituto comprensivo di Como Lago, in via Brambilla, e il muro all’esterno delle scuole di via Sinigaglia. Identico il testo della scritta (segno evidente che il blitz è opera di uno stesso gruppo e di uno stesso singolo): “I vax uccidono. Salviamo i bambini”.

I no vax nostrani, insomma, hanno deciso di aprire la campagna invernale della loro personalissima lotta contro i vaccini sul tema del via libera alle dosi per i bambini.

I vandalismi in via Brambilla

I vandalismi in via Brambilla

Quello contro le due scuole comasche non è comunque il solo raid vandalico compiuto in città. Per certi versi ancor più inquietante il blitz di una misteriosa mano (che non sembra aver nulla a che fare con il gruppo finito nel mirino della Digos) ai danni di un condominio di via Milano, al civico 180. In quell’occasione erano comparse diverse scritte con vernice spray gialla sui vetri e i muri della palazzina, peraltro in una zona non aperta al pubblico. Il vandalo aveva lasciato messaggi tipo “morirete” sul portone di vetro all’ingresso e ancora “morte” su un muro della scala condominiale, accanto a un appartamento. La Digos ha aperto accertamenti sia sugli episodi di ieri a scuola che su quello di via Milano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA