Ciakkare, nuova sfida per i giovani videomaker
L’immagine che contraddistingue locandine e totem dell’undicesima edizione di Ciakkare

Ciakkare, nuova sfida per i giovani videomaker

Torna il premio riservato agli studenti delle superiori e dei centri di formazione del Comasco. Un tema è green: “C’è un mondo oltre l’asfalto”. L’altro inaugura la sinergia con Noir in Festival: “Misteri del lago”

Torna il più longevo concorso per cortometraggi realizzati dai giovani comaschi. È partita, con l’inivio del bando alle scuole da parte del Comune di Como e la pubblicazione dello stesso sul sito de “La Provincia”, l’undicesima edizione di “Ciakkare”, riservata agli studenti delle scuole superiori e dei centri di formazione professionale della provincia di Como. Nei primi 10 anni sono stati poco meno di mille i video in gara, realizzati da oltre 5mila studenti.

Se nel 2007 “Ciakkare” era partito come risposta costruttiva al videobullismo, proponendo di utilizzare le videocamere dei telefonini in modo intelligente e creativo, oggi molti giovani hanno la possibilità di accedere anche ad altri strumenti tecnologici, dai tablet alle fotocamere, e vi sono smartphone di fascia alta che battono per qualità le stesse videocamere di quella più economica. Pertanto, come nella precedente edizione, si è deciso di non fare differenza rispetto allo strumento con cui saranno girati i video in gara.

Finalità

Resta inalterata la convinzione di partenza, ovvero che qualsiasi strumento tecnologico non sia buono o cattivo in sé, ma dipende da come lo si usi.E “Ciakkare” è nato e continua a esistere per promuovere un uso intelligente e creativo delle tecnologie. Ancora una volta i promotori di “Ciakkare” sono il quotidiano “La Provincia” e l’agenzia di comunicazione Slogan, con il supporto di un numero sempre più ampio di partner istituzionali (Comune di Como, Assessorati alle Politiche Giovanili, Turismo e Cultura) e privati (Noir in Festival, Stanze di Cinema, OLO Creative Farm, Lombardia Film Commission, associazione Sentiero dei Sogni e progetto Passeggiate Creative).

Temi

Come sempre i temi proposti si legano ad aspetti significativi del territorio comasco, sui quali è importante lanciare uno “sguardo” giovane.

Il primo torna a proporre, in modo nuovo, un’attenzione per l’ambiente, che certamente non manca in questo periodo tra gli studenti, basti pensare a movimenti come “Fridays for future”. Si propone ai ragazzi di guardare oltre le strade carrozzabili, per riscoprire l’“oro verde” rappresentato dai percorsi pedonali (o di mobilità dolce) di cui è ricco il nostro territorio. “C’è un mondo oltre l’asfalto” è il titolo di questa prima sezione, accompagnato nel bando da un preciso invito ai videomaker: «Sentieri, mulattiere, parchi, giardini, ma anche ferrovie, battelli e funicolari: viviamo in un territorio ricchissimo di percorsi verdi e mezzi di mobilità dolce. Scoprili e racconta con un video dove portano e che storie nascondono». Il secondo tema, “Misteri del lago di Como”, inaugura la collaborazione tra “Ciakkare” e “Noir in festival”, il più importante festival europeo di genere, da quattro anni approdato sulle rive del lago di Como. «Il lago di Como - recita la traccia proposta ai partecipanti - è fin dalla notte dei tempi teatro di storie e leggende, ma anche di fatti di cronaca, all’insegna del mistero: improvvisati detective e trovane uno da indagare e raccontare con un video».

Si può partecipare sia come singoli studenti, che con lavori di gruppo o anche di classe coordinati da un insegnante. In premio ingressi al cinema, una videocamera professionale, masterclass organizzate da Lombardia Film Commission e incontri a tu per tu con i registi che parteciperanno a Noir in Festival. La scadenza per caricare sul sito de “La Provincia” i video è fissata al 15 di aprile. Info e bando si trovano cliccando sul banner “Ciakkare” in homepage sul sito www.laprovinciadicomo.it. Per qualsiasi approfondimento potete contattare chi scrive all’indirizzo e-mail [email protected].


© RIPRODUZIONE RISERVATA