Como ce l’ha fatta  È arrivato lo status  di Città Creativa Unesco
Como Il ministro Giancarlo Giorgetti e il presidente di Confindustria Aram Manoukian alla presentazione del progetto

Como ce l’ha fatta

È arrivato lo status

di Città Creativa Unesco

Como ha ufficialmente ottenuto il riconoscimento per l’expertise unico nella lavorazione tessile e della seta in particolare

Obiettivo raggiunto: Como ha ufficialmente raggiunto lo status di Città Creativa Unesco in virtù dell’expertise unico nella lavorazione tessile e della seta in particolare. Una rete che coinvolge 295 città diffuse in 90 Paesi in tutto il mondo che investono in cultura e creatività – artigianato e arte popolare, design, cinema, gastronomia, letteratura, arti multimediali e musica – per promuovere lo sviluppo urbano sostenibile.

49 città hanno aderito all’UNESCO Creative Cities Network (UCCN) in seguito alla loro designazione da parte del Direttore Generale dell’UNESCO Audrey Azoulay, in riconoscimento del loro impegno a porre la cultura e la creatività al centro del loro sviluppo e a condividere conoscenze e buone pratiche.

La rete raccoglie le città che investono in cultura e creatività – artigianato e arte popolare, design, cinema, gastronomia, letteratura, arti multimediali e musica – per promuovere lo sviluppo urbano sostenibile.

“Un nuovo modello urbano deve essere sviluppato in ogni città, con i suoi architetti, urbanisti, paesaggisti e cittadini. Esortiamo tutti a lavorare con gli Stati per rafforzare la cooperazione internazionale tra le città che l’UNESCO desidera promuovere” dice Audrey Azoulay, Direttore Generale UNESCO

Le città creative appena designate come Bohicon, Doha e Giacarta uniranno le forze con le città membri esistenti tra cui Brazzaville, Dubai, Città del Messico e Montréal per sviluppare politiche e soluzioni urbane innovative che vano le persone e la sostenibilità al centro del processo di sviluppo.

Le 49 nuove città creative Unesco sono:

Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti) – Musica

Batumi (Georgia) – Musica

Belfast (Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord) – Musica

Bida (Nigeria) – Artigianato e Arte Popolare

Bohicon (Benin) – Gastronomia

Buraidah (Arabia Saudita) – Gastronomia

Bursa (Turchia) – Artigianato e Arte Popolare

Campina Grande (Brasile) – Media Arts

Cannes (Francia) – Film

Cluj-Napoca (Romania) – Film

Como (Italia) – Artigianato e Arte Popolare

Covilhã (Portogallo) – Design

Doha (Qatar) – Design

Gdynia (Polonia) – Film

Gimhae (Repubblica di Corea) – Artigianato e Arte Popolare

Göteborg (Svezia) – Letteratura

Hamar (Norvegia) – Media Arts

Huai’an (Cina) – Gastronomia

Huancayo (Perù) – Musica

Ibagué (Colombia) – Musica

Giacarta (Indonesia) – Letteratura

Kermanshah (Iran, Repubblica Islamica di) – Gastronomia

Kharkiv (Ucraina) – Musica

Kuching (Malesia) – Gastronomia

Lankaran (Azerbaigian) – Gastronomia

Launceston (Australia) – Gastronomia

Londra (Canada) – Musica

Manises (Spagna) – Artigianato e Arte Popolare

Modena (Italia) – Media Arts

Nakuru (Kenya) – Artigianato e Arte Popolare

Namur (Belgio) – Media Arts

Pasto (Colombia) – Artigianato e Arte Popolare

Perth (Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord) – Artigianato e Arte Popolare

Phetchaburi (Thailandia) – Gastronomia

Port Louis (Mauritius) – Musica

Recife (Brasile) – Musica

Rouen (Francia) – Gastronomia

San Pietroburgo (Federazione Russa) – Gastronomia

Santa Maria da Feira (Portogallo) – Gastronomia

Santiago de Cuba (Cuba) – Musica

Srinagar (India) – Artigianato e Arte Popolare

Tallinn (Estonia) – Musica

Tbilisi (Georgia) – Media Arts

Salonicco (Grecia) – Gastronomia

Usuki (Giappone) – Gastronomia

Vilnius (Lituania) – Letteratura

Weifang (Cina) – Artigianato e Arte Popolare

Whanganui (Nuova Zelanda) – Design

Xalapa (Messico) - Musica


© RIPRODUZIONE RISERVATA