Como, elemosina in centro  Le liti per spartirsi le zone
Como mendicanti per le vie del centro storico, in una foto di archivio (Foto by Andrea Butti)

Como, elemosina in centro

Le liti per spartirsi le zone

L’ultimo episodio venerdì in via Diaz

Liti tra stranieri anche all’interno della città murata, dove la spartizione del territorio non è funzionale allo spaccio, ma all’elemosina.

Vi sono posizioni molto ambite, quelle che rendono bene, dove il passaggio è più frequente e vi sono maggiori possibilità di raccogliere l’offerta dei passanti. Spesso i questuanti si alternano, a ore ben precise. Dunque, vi sono aree di competenza ma anche orari da rispettare. Quando i patti vengono meno, ecco che si accende uno scontro.

È quanto avvenuto ieri mattina poco dopo le 11 all’angolo tra via Diaz e via Cinque Giornate, tra due stranieri che rivendicavano la stessa posizione. Solo urla, che si sono udite a distanza e anche all’interno dei negozi, al punto che sono stati gli stessi commercianti a chiamare i carabinieri.

Alla vista dei militari, i due sono magicamente scomparsi. Salvo riapparire poco dopo, quando gli uomini in divisa se ne sono andati.

«Portano tutti un borsello a tracolla, nel quale mettono i soldi raccolti - raccontano i negozianti - Si alternano durante la giornata almeno quattro di loro. Se uno non rispetta gli orari e si presenta in anticipo, scoppia la lite».

© RIPRODUZIONE RISERVATA