Como, furbetti del permesso per il centro  In ztl con il pass disabili del nonno morto
A sinistra non si passa: il cartello che tra piazza del Popolo e viale Lecco indica il limite della zona a traffico limitato (Foto by butti)

Como, furbetti del permesso per il centro

In ztl con il pass disabili del nonno morto

Sedici gli abusi contestati nel biennio, cinque i casi di utilizzo di contrassegni di parenti scomparsi. La polizia locale: «Accordo con l’Anagrafe per il monitoraggio costante del numero di permessi concessi»

Nel biennio 2017 - 2018 la polizia locale di Como ha svolto una serie di verifiche sull’utilizzo dei permessi disabili, i “lasciapassare” che consentono di accedere alla zona a traffico limitato del capoluogo, di viaggiare sulle corsie preferenziali, di posteggiare gratuitamente negli spazi contrassegnati dalle strisce blu.

«Per evitare che si abusi di questa tipologia di permesso danneggiando chi realmente ne ha diritto, nel 2017 abbiamo avviato un progetto che coinvolge Csu - spiega il comandante della polizia locale Donatello Ghezzo -. L’accordo prevede che, in caso di anomalie anche solo apparenti nell’utilizzo di pass disabili, gli ausiliari della sosta lo segnalino tempestivamente e chiedano subito il nostro intervento per approfondire. Allo stesso tempo, tutti i mesi, il comando provvede a trasmettere a Csu l’elenco dei permessi intestati a soggetti deceduti, mettendo in questo modo gli stessi ausiliari nelle condizioni di poter verificare eventuali abusi direttamente sul campo e, nel caso, di avvertirci in tempo reale».

Questo tipo di controllo incrociato ha consentito di smascherare, nel biennio, cinque automobilisti che si servivano di contrassegni intestati a parenti scomparsi e 16 che guidavano in zona a traffico limitato senza mai trasportare realmente il “titolare” del pass. Ancora: sempre negli ultimi due anni, con l’aiuto degli ausiliari, i vigili hanno sanzionato e denunciato sette “falsari”, gente che il permesso se lo era costruito in casa, senza averne titolo. «Da anni è in essere un altro accordo - prosegue il comandante - con gli uffici dell’Anagrafe cittadina, che ogni mese ci trasmettono gli elenchi dei deceduti». Questo filo diretto ha portato all’annullamento di 119 pass nel 2017 e di ulteriori 82 nel 2018.

Nel complesso, sono in tutto 2.815 i permessi per portatori di handicap rilasciati dal Comune di Como e in corso di validità. Ad essi, nella cosiddetta “white list” dei veicoli autorizzati a entrare in zona a traffico limitato, sono associate 4.300 targhe. Nello stesso elenco sono iscritte altre 4.400 targhe riconducibili ad altrettanti automezzi titolati a spostarsi con contrassegni rilasciati da Comuni diversi, della provincia di Como ma non soltanto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA