Como, si butta nel lago a 25 anni  Salvato da quattro poliziotti
Il ragazzo si è buttato dopo aver scavalcato la ringhiera attorno al monumento di Libeskind

Como, si butta nel lago a 25 anni

Salvato da quattro poliziotti

Poco dopo la mezzanotte un ragazzo si è gettato nel primo bacino dalla diga foranea. La Polizia è riuscita a toglierlo dall’acqua. Non è in pericolo di vita

Era da poco passata la mezzanotte quando alla sala operativa della questura è arrivata la segnalazione di una persona che si era buttata nel lago dopo aver scavalcato la ringhiera in fondo alla diga, dove c’è il monumento “Life Electric”. Due poliziotti arrivati sul posto hanno individuato il ragazzo e dalla questura hanno fatto sapere che «considerate le basse temperature, al fine di scongiurare il peggio, uno dei poliziotti ha superato la balaustra e, sostenuto dall’altro operatore, si è sporto riuscendo ad afferrare per la giacca il ragazzo e, utilizzando delle fascette in velcro, lo ha assicurato alla ringhiera impedendogli di affondare».

Nel frattempo è arrivata una seconda pattuglia della squadra Volante. I quattro poliziotti riescono sono riusciti a tirarlo fuori dalle acque gelide del lago praticandogli nell’immediatezza un massaggio per riattivare la circolazione. Il giovane di 25 anni è stato poi trasportato all’ospedale Sant’Anna in ipotermia ma, fortunatamente, non in pericolo di vita. Le forze dell’ordine non escludono che dietro al gesto ci possa essere stato abuso di alcol.


© RIPRODUZIONE RISERVATA