Como, venditori abusivi  Scattati in centro i primi controlli

Como, venditori abusivi

Scattati in centro i primi controlli

Linea dura dell’amministrazione. Da inizio anno 190 sequestri di merce

E sui mendicanti prevista un’ordinanza specifica

Controlli a tappeto in centro storico nei confronti di venditori abusivi e parcheggiatori altrettanto abusivi. A chiedere l’intervento mirato della polizia locale (che ha dedicato più agenti, quattro per turno) il sindaco Mario Landriscina, che ha anche la delega alla Sicurezza. «Le norme esistenti - chiarisce il primo cittadino - già consentono di intervenire e contrastare due dei tre fenomeni su cui ho annunciato interventi. Ecco perché abbiamo deciso, già da ora, ancora prima dell’ordinanza, di intervenire in modo mirato. Ho quindi chiesto al comandante della polizia locale di avviare controlli su parcheggiatori e venditori abusivi e stiamo già registrando diversi risultati». I primi controlli, come detto, sono scattati giovedì. In questi due giorni, il comandante Donatello Ghezzo spiega che «sono stati effettuati due sequestri di merce venduta abusivamente ed è stato identificato un parcheggiatore abusivo a cui è stato sequestrato anche quanto aveva “incassato”». Due sono le linee su cui si stanno muovendo i controlli: «Il potenziamento dell’attività di verifica - spiega Ghezzo - sta avvenendo in due modi. Il primo, che ha scopo preventivo, è quello della presenza di agenti in divisa in centro storico e nell’area del lungolago e, il secondo, prevede l’impiego di personale in borghese». Dall’inizio dell’anno, dice ancora Ghezzo, «sono 190 i sequestri di merce» precisando anche che «negli ultimi giorni sono stati intensificati».

L’ordinanza sull’accattonaggio è in fase di verifica e dovrebbe essere pronta a breve, forse anche la settimana prossima. Senza il provvedimento, sottolinea il sindaco a cui spetterà l’emanazione dell’ordinanza, «il fenomeno è difficilmente fronteggiabile».

Sono in programma anche «incontri con le altre forze di polizia in modo da mettere in campo strumenti condivisi e applicabili». Landriscina precisa che si interverrà caso per caso , aiutando chi è in difficoltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA