Crescono i ricoveri per Covid: da inizio settimana quasi cento nuovi pazienti in Lombardia. E i contagi tornano a correre

Bollettino Oltre cinquecento casi nel Comasco, 228 a Lecco e 218 a Sondrio. Tasso di positività al 20%. Resistono le rianimazioni

Crescono i ricoveri per Covid: da inizio settimana quasi cento nuovi pazienti in Lombardia. E i contagi tornano a correre

Covid, 528 positivi a Como, 228 a Lecco e 218 a Sondrio. I contagi tornano a correre ma, soprattutto, crescono ancora i ricoveri in ospedale. I dati odierni sulla pandemia confermano una crescente diffusione dei contagi, con il tasso di positività che in Lombardia si mantiene sopra al 20%. Al netto delle tante infezioni tracciate in tutte le province la cosa che più preoccupa è la netta salita dei pazienti ricoverati nella rete ospedaliera regionali, ieri altri 43 letti occupati in più. Sono oltre un centinaio di pazienti in pochissimi giorni. L’aumento non interessa le terapie intensive, pochi per ora anche i decessi, la malattia non sembra essere così letale, ma i pazienti anziani e fragili restano a rischio. E così il ritorno dei contagi rischia di bloccare ancora la sanità locale, occupando posti letto e risorse professionali, già all’osso.

L’ospedale Sant’Anna a Como è stato costretto a sospendere le visite anche nel reparto di Cardiologia e nella Medicina generale, colpa di cinque positività riscontrate tra i 52 degenti presenti. Anche la Geriatria è inaccessibili ai parenti, sempre per altri positivi tracciati nei giorni scorsi. Stessa misura precauzionale in Oncologia, Nefrologia e Neurologia. «Pur consapevoli del disagio si ricorda che il provvedimento è un atto dovuto a tutela dei pazienti – spiega l’Asst Lariana - del personale e dei visitatori stessi. Con l’occasione si rinnova altresì l’invito al rispetto delle norme di comportamento che permangono all’interno dei presidi ospedalieri in relazione al Covid, ossia l’uso della mascherina, il distanziamento sociale e il lavaggio delle mani». Esterni, lavoratori e dipendenti sono chiamati a fare molta attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA