«I medici di famiglia   all’ex Sant’Anna»
Sala piena a Camerlata per l’incontro sul destino del vecchio Sant’Anna (Foto by butti/pozzoni)

«I medici di famiglia

all’ex Sant’Anna»

Il direttore generale Onofri svela l’idea condivisa con l’Ordine per la cittadella sanitaria a Camerlata «Camici bianchi riuniti in gruppi, lavoreranno insieme agli specialisti. Saranno ambulatori aperti 12 ore al giorno»

Svolta per l’area dell’ex Sant’Anna. L’annuncio è arrivato dal direttore generale dell’Asst Lariana (ex azienda ospedaliera) Marco Onofri, durante l’affollato incontro pubblico promosso dal “Comitato cittadella della salute” nella sede dell’ex Circoscrizione 3. Onofri ha svelato che, con l’Ordine dei medici, si punta a realizzare nell’ex ospedale di Camerlata un “Presst”, vale a dire un presidio socio-sanitario che raggrupperà medici di famiglia e specialisti ambulatoriali.

Un nuovo polo della salute a disposizione dei comaschi, da attivare utilizzando una delle tipologie - chiamata appunto Presst - previste dalla riforma regionale della sanità. «L’idea è del presidente dell’Ordine Gianluigi Spata, sono loro l’attore principale - ha detto Onofri - Noi siamo favorevoli alla realizzazione del Presst, con specialisti e medici di medicina generale che lavoreranno in aggregazione. Non sarà una struttura aperta 24 ore su 24 e non avremo un Pronto soccorso, ma sarà un punto di riferimento almeno per 10-12 ore al giorno». Potrebbero essere utilizzati i primi tre piani del monoblocco, inizialmente lasciati liberi perché destinati all’Asl ma ora “ereditati” dall’azienda guidata da Onofri (le nuove Asl no si occupano più di erogare servizi sanitari).


© RIPRODUZIONE RISERVATA