I “passatori” siriani si difendono  «Non ho neppure la patente»
Sono in tutto sedici gli arresti eseguiti dalla polizia per ordine della Procura di Como

I “passatori” siriani si difendono

«Non ho neppure la patente»

Primi interrogatori ieri nelle carceri di Como, Milano e Busto - Gli indagati negano tutto ma non convincono i giudici: che li lasciano in cella

Como

C’è quello che sostiene di non avere neppure la patente - e di non avere quindi potuto accompagnare nessuno da nessuna parte -, quello che giura di essere un timorato di Dio e di non essersi mai sognato di trarre un profitto dalle sventure .

Primi interrogatori ieri nelle carceri di Como, Milano San Vittore e Busto Arsizio per il folto parterre di cittadini stranieri - soprattutto siriani - indagati nell’ambito dell’inchiesta sui presunti “passeur”, contrabbandieri d’uomini che accompagnavano migranti clandestini, dietro lauto compenso, dall’Italia al Nord Europa, Germania ma anche Danimarca e paesi scandinavi.

Pochi, tra i 16 arrestati, quelli che hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere: nella maggior parte dei casi, i destinatari delle ordinanze firmate dai pm comaschi hanno scelto al contrario di parlare, nel tentativo di rintuzzare le contestazioni, a partire da quelle concernenti le presunte attività di copertura, il commercio d’auto in primis.

Leggi l’approfondimento su La Provincia in edicola sabato 10 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA