Incatenati ai bagni per protesta
«Teneteli aperti per i senzatetto»

Gesto dimostrativo degli attivisti di “Cominciamo da Como”

Incatenati ai bagni per protesta «Teneteli aperti per i senzatetto»
I giovani incatenati ai bagni del sottopasso di piazza Vittoria
(Foto di butti)

Quasi quattro ore incatenati ai bagni pubblici del sottopassaggio di piazza Vittoria per chiederne l’apertura 24 ore al giorno, così da essere a disposizione dei senza dimora e di tutta la cittadinanza. La protesta è stata organizzata da cinque giovani attivisti di “Cominciamo da Como”, i quali attorno alle 12.30 si sono legati alla grata di chiusura attraverso catene, manette e lucchetti.

Il gruppo sostiene d’aver provato il dialogo con l’amministrazione, avendo però ricevuto in cambio una risposta «incerta e inefficace». Sul posto sono intervenuti i vigili e hanno preso le generalità ai cinque ragazzi. Nessun momento di tensione particolare: il gesto dimostrativo si è concluso poco dopo le 16, quando i ragazzi hanno aperto i lucchetti e, tolte le catene dalla grata, se ne sono andati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}