La squadra è tedesca, la tattica italiana

Dirigente di calcio fermato in dogana

Uno dei manager dell’Eintracht Francoforte trasportava 55mila euro non dichiarati

La squadra è tedesca, la tattica italiana Dirigente di calcio fermato in dogana
Dogana di Brogeda

A far rumore, nell’ennesimo sequestro valutario messo a segno alla dogana autostradale di Brogeda, non è tanto la cifra intercettata dai finanzieri, quanto l’uomo che si è visto sequestrare poco meno di 23mila euro in contanti. Un alto dirigente dell’Eintracht Francoforte è stato intercettato al valico tra Chiasso e Como mentre tentava di entrare in Italia senza dichiarare alle fiamme gialle i contanti che aveva nel bagaglio personale.

Il sequestro risale a venerdì scorso. Protagonista è un uomo di 66 anni, pezzo grosso della squadra che milita nella Bundesliga tedesca. Venerdì scorso quello che è il presidente del consiglio di supervisione della società stava entrando in Italia a bordo di una Mercedes S350 a noleggio con conducente.

Fermato per i controlli di rito dai militari del gruppo di Ponte Chiasso della Guardia di Finanza, l’uomo avrebbe riferito di non trasportare valuta.

In realtà nel corso dei controlli i finanzieri hanno trovato, all’interno del bagagliaio dell’uomo, 103 banconote da 500 euro l’una più altri contanti di vario taglio per un valore complessivo pari a 55.730 euro.

Se il dirigente dell’Eintracht (squadra che la scorsa stagione ha evitato d’un soffio la retrocessione e che quest’anno ha iniziato il suo cammino nella Bundesliga con due vittorie casalinghe e una sconfitta in trasferta) avesse dichiarato di trasportare i contanti, non sarebbe successo nulla se non una segnalazione all’ufficio italiano cambi per un’eventuale verifica a posteriori su quel denaro. Non dichiarando il possesso di valuta, invece, inevitabilmente è scattato il sequestro del 50% del denaro trasportato oltre la soglia ammessa per legge, che è di 10mila euro.

Il dirigente del Francoforte ha così dovuto lasciare in dogana un importo pari a 22.870 euro in contanti. Soldi che potrebbe a questo punto perdere interamente, a meno che il ministero dell’Economia e delle Finanze non decida di applicare una sanzione inferiore, che in ogni caso non può essere più bassa del 30% della somma in eccesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}