Le telecamere nella Ztl  Multe a chi non è assicurato
Le telecamere che controllano gli accessi alla zona a traffico limitato

Le telecamere nella Ztl

Multe a chi non è assicurato

Il comandante: «Controlli su chi accede abusivamente al centro». In provincia di Como sono circa 31mila i mezzi che circolano senza polizza

Nella zona a traffico limitato le telecamere adesso possono controllare anche le assicurazioni scadute. Le automobili dei comaschi senza copertura assicurativa sono circa 31mila e la città di Como, come le altre 345 amministrazioni comunali italiane, può ora attivare anche il controllo attraverso gli occhi bionici della zona a traffico limitato dei veicoli non assicurati. La verifica e la conseguente sanzione fino al sequestro del mezzo può avvenire solo in presenza di una violazione, dunque solo se si entra nella Ztl senza permesso.

Questa possibilità era ferma dal lontano 2012 per ragioni burocratiche e tecnologiche: mancava infatti l’autorizzazione a livello centrale come pure i regolamenti attuativi mai emanati e, soprattutto, i dispositivi dovevano essere omologati. La direzione nazionale di polizia ha invece sbloccato la partita ed ha emanato una circolare. «Sì, mi risultava mancassero le omologazioni e le autorizzazioni – spiega il comandante della polizia locale di Como Donatello Ghezzo – chiederemo allora anche noi la possibilità di attivare i controlli sulle assicurazioni. In genere sono procedure che si attivano in automatico. Faccio però notare che il controllo non funzionerà a tappeto, su tutti i veicoli che passano dalla Ztl. Ma solo in caso di violazione si potrà controllare l’assicurazione, quindi su chi entra nella zona a traffico limitato senza permesso».

Gli ultimi dati alla fine dell’anno scorso, nel periodo pre Covid, stimavano comunque più di duecento multe al giorno per ingressi abusivi nella Ztl della città murata. Quanto alle automobili appartenenti ai residenti della provincia di Como sono circa 31mila quelli senza assicurazione, all’incirca l’8% del parco mezzi.

Esprimono soddisfazione per la novità amministrativa le imprese assicuratrici. Queste persone, se pizzicate dalla Ztl verranno invitate dalla polizia a dimostrare di avere una copertura assicurativa entro 30 giorni.

In caso contrario riceveranno un primo verbale per la Ztl, da 83 euro a salire e una seconda multa per l’assicurazione da 868 euro a 3.471. Scatta anche la decurtazione di 5 punti della patente.

Non bastasse a scoraggiare i furbetti, il mezzo può venire sequestrato dalle forze dell’ordine fintanto che non si è pagata la nuova polizza per un periodo di almeno sei mesi, saldando anche le multe non evase e il deposito del veicolo durante il fermo.n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA