Liceo, quattro anni possono bastare  Il Gallio si candida alla sperimentazione

Liceo, quattro anni possono bastare

Il Gallio si candida alla sperimentazione

L’annuncio del ministro Giannini sul nuovo bando per 60 classi prime in tutta Italia - Il diploma a 18 anni è realtà in tutti gli altri Paesi europei

Como

Un liceo che dura solo quattro anni, il ministero dell’Istruzione prepara un bando e il Collegio Gallio si candida. Per molti licei comaschi bisogna ridisegnare tutta la durata del percorso scolastico.

Il ministro Stefania Giannini sta preparando un decreto per dare la possibilità a 60 prime classi di avviare una sperimentazione per arrivare al diploma liceale in soli quattro anni invece di cinque. Una rarità che in Italia interessa già undici scuole polo, per altro presenti anche a Milano e a Busto Arsizio. Al bando parteciperà di sicuro il Collegio Gallio di Como. «Certo che parteciperemo - conferma padre Luigi Croserio, il coordinatore del progetto liceale su quattro anni - a luglio siamo andati a Roma proprio per parlare con la direzione generale del ministero dell’Istruzione, l’amministrazione ci ha assicurato che il bando verrà pubblicato a breve. Lo stesso ministero però chiede garanzie e certezze, vuole essere sicuro di avviare la sperimentazione del liceo quadriennale in istituti d’eccellenza, vagliando a fondo i candidati, per escludere le scuole meno affidabili. Noi abbiamo già ottenuto tempo fa l’avallo dell’ufficio scolastico regionale, siamo fiduciosi». Al Gallio è già partita una sezione di liceo internazionale, lo stesso esperimento quadriennale che è però in attesa di ricevere il riconoscimento legale. Questo curriculum mira anzitutto ad un potenziamento linguistico, il 50% delle lezione, per materie come storia, geografia oppure matematica, vengono impartite soltanto in inglese.

Leggi l’approfondimento su La Provincia in edicola mercoledì 24 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA