Lite al Sant’Anna  Guardie aggredite  in pronto soccorso
Il direttore Fabio Banfi

Lite al Sant’Anna

Guardie aggredite

in pronto soccorso

Tre sbandati disturbavano i pazienti nella sala d’attesa

Aggredite due guardie al pronto soccorso del Sant’Anna. Intorno alle 21 di mercoledì l’ospedale ha chiesto a due operatori della sicurezza di intervenire perché, nella sala d’attesa del pronto soccorso, tre sbandati stavano disturbando i pazienti e il personale sanitario. Tre persone note al Sant’Anna, più volte protagoniste di altri episodi violenti. Le guardie sono intervenute per chiedere ai tre litiganti di lasciare la sala d’attesa. Due hanno ascoltato il consiglio mentre il senza tetto più recalcitrante ha aggredito fisicamente i due operatori della sicurezza. Medicate al pronto soccorso le guardie hanno ricevuto ciascuna sette giorni di prognosi. L’aggressore è stato bloccato, sono poi intervenuti i carabinieri.

Dal primo di agosto il Sant’Anna per ragioni di sicurezza ha deciso di chiudere le porte la notte dalle 21.30 alle 5.30, l’ingresso del presidio avviene solo attraverso il pronto soccorso. La finalità della misura era avere così un presidio costante da parte della vigilanza proprio in pronto soccorso. Nei giorni scorsi è anche partito un corso sulla “gestione delle condotte aggressive e violente” rivolto al personale infermieristico e medico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA