L’ulivo benedetto a San Fedele  Il vescovo apre la Settimana Santa
Monsignor Oscar Cantoni durante il corteo da piazza San Fedele a piazza del Duomo (Foto by pozzoni)

L’ulivo benedetto a San Fedele

Il vescovo apre la Settimana Santa

Presenti numerosi fedeli da tutte le chiese cittadine - Cantoni: «Accompagniamo Gesù fino all’ingresso nella Città Santa»

Il vescovo di Como, monsignor Oscar Cantoni, ha dato avvio ieri mattina alla Settimana Santa, con il rito della Domenica delle Palme e la benedizione degli ulivi: celebrata alle 10 nella basilica di San Fedele alla presenza di numerosi fedeli, provenienti da tutte le chiese cittadine.

La Processione delle Palme con il Vescovo Oscar Cantoni da S. Fedele al Duomo

La Processione delle Palme con il Vescovo Oscar Cantoni da S. Fedele al Duomo
(Foto by Carlo Pozzoni)

Con la processione verso il Duomo e la messa in Cattedrale ha preso avvio la Settimana che culminerà con la Pasqua: la Quaresima terminerà con la celebrazione del Giovedì Santo, giorno in cui, con la recita dei Vespri, avrà inizio il Triduo pasquale.

All’interno della basilica di San Fedele il vescovo ha ricordato come il rito della benedizione degli ulivi «è preludio alla Pasqua del Signore Gesù, che entra in Gerusalemme». «Accompagniamo il Salvatore - ha detto - fino all’ingresso nella Città Santa. Preghiamo di giungere con lui alla Gerusalemme del Cielo». È seguita la lettura del brano del Vangelo di San Matteo in cui si ricorda il gioioso ingresso di Gesù a Gerusalemme in sella a un asino, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma.

Como la Processione delle Palme con il Vescovo Oscar Cantoni da S. Fedele al Duomo

Como la Processione delle Palme con il Vescovo Oscar Cantoni da S. Fedele al Duomo

Si è poi formata già all’interno della chiesa di San Fedele la processione che, partendo dal sagrato, ha raggiunto il Duomo, transitando dalle vie Pantero Pantera, Indipendenza e Vittorio Emanuele.

Proprio a ricordo dell’arrivo di Gesù a Gerusalemme, la liturgia della Domenica delle Palme si svolge iniziando da un luogo al di fuori della chiesa dove si radunano i fedeli e il sacerdote benedice i rami di ulivo e di palma che sono portati dai fedeli; quindi si è dato inizio alla processione vera e propria fin dentro il Duomo. Qui è continuata la celebrazione della messa con la lunga lettura della Passione di Gesù.

Il corteo sacro era preceduto dalla Croce, dal turibolo e dalle candele, seguiti dai bambini e dagli scout nella loro divisa. Era la volta poi della Cappella musicale del Duomo con la nuova formazione dei “Pueri Cantores” diretta da monsignor Saverio Xeres. C’erano poi i ministranti del Seminario. Al centro campeggiava il diacono con i Libro dei Vangeli, seguito dal clero in doppia fila con il vescovo Cantoni e la lunga processione dei fedeli.

Stasera in occasione del Lunedì santo, come da tradizione, verrà celebrata la “Via Crucis” dei giovani per le strade di Como.


© RIPRODUZIONE RISERVATA