Niente multe in cambio di pranzi gratis
Ausiliario della sosta sotto inchiesta

Avrebbe omesso di sanzionare le auto di clienti e proprietari di un ristorante

Niente multe in cambio di pranzi gratis Ausiliario della sosta sotto inchiesta
Pranzo offerto all’ausiliario della sosta in cambio della sosta gratis? La Procura indaga
(Foto di archivio)

Niente multa in cambio di un buon pranzo. Un baratto costato a un dipendente della Como Servizi Urbani e a un ristoratore di piazza Matteotti l’accusa di corruzione.

La Procura di Como ha chiuso l’inchiesta a carico di un comasco di 57 anni, ausiliario della sosta per conto di Csu, e ddel gestore (per conto dei proprietari, estranei alle contestazioni) di un ristorante in zona Sant’Agostino.

Stando alla contestazione, formalizzata nell’avviso di conclusione delle indagini, tra il 4 gennaio 2019 e il 14 maggio dello stesso anno l’ausiliario della sosta, per quindici volte, avrebbe pranzato gratuitamente nel ristorante omettendo di sanzionare le auto del gestore del locale, di alcuni dipendenti e di diversi clienti i quali - sostiene l’accusa - non avrebbero pagato ed esposto il tagliando per la sosta nelle aree blu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}