«Non date cibo ai poveri»
Volontari allontanati dai vigili

La denuncia: «Domenica mattina non abbiamo potuto portare la colazione a chi dorme fuori dall’ex chiesa di san Francesco»

«Non date cibo ai poveri» Volontari allontanati dai vigili

«I vigili ci hanno impedito di offrire la colazione alle persone che dormono all’aperto sotto l’ex chiesa di san Francesco a Como». L’onda lunga dell’ordinanza del sindaco Mario Landriscina contro i mendicanti del centro storico colpisce anche i volontari che, «da più di sette anni», distribuiscono la colazione alle persone costrette a dormire in strada. È successo domenica mattina. A denunciarlo i diretti interessati, sul gruppo facebook “WelCom”: «Questa mattina a differenze delle altre mattine ci è stato proibito di farlo perché i nostri semplici gesti sarebbero contrari alla nuova ordinanza del Comune di Como, firmata dal sindaco Mario Landriscina, per ripristinare “la tutela della vivibilità e il decoro del centro urbano”. Ci è stato detto che fino al 10 gennaio non ci è possibile portare un piccolo simbolo d’amore a queste persone, non ci è possibile perché in vista del Natale non è decoroso».

E in effetti nella sua controversa ordinanza il primo cittadino fa menzione anche al portico davanti all’ex chiesa di San Francesco, accanto al Tribunale, scrivendo che «è fatto divieto di bivaccare sotto i portici» pena una sanzione amministrativa da 50 a 300 euro.

«A continuare ad allontanare i poveri non si elimina la povertà, la si amplifica, la si fa diventare un nemico, un nemico da combattere - scrivono i volontari - Se provassimo a guardare in faccia la povertà senza timore, ma solo con il desiderio di sconfiggere lei, non i poveri, allora forse si potrebbero trovare soluzioni e pensieri che possano essere dalla parte dell’essere umano e di un essere umano più dignitoso. Questo ci sembra allora il Natale: la ricerca di una possibilità, di un’umanità più dignitosa. Dignità non decoro ci aspettiamo dal nostro sindaco soprattutto a Natale, altrimenti non chiamiamolo Natale!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}