Paratie, corsa a tre per i lavori  Appalto da 13 milioni di euro
Il tratto davanti al Terminus è fermo da anni

Paratie, corsa a tre per i lavori

Appalto da 13 milioni di euro

Delle dieci che avevano effettuato i sopralluoghi obbligatori nei mesi scorsi, sette imprese non hanno ritenuto di presentare un’offerta

Sarà una corsa a tre quella per aggiudicarsi il cantiere delle paratie, fermo ormai da anni. Ieri a mezzogiorno sono scaduti i termini per la presentazione delle offerte per il maxi appalto da 13 milioni di euro. Delle dieci che avevano effettuato i sopralluoghi obbligatori nei mesi scorsi, sette imprese non hanno ritenuto di presentare un’offerta, mentre tre sono passate alla fase successiva.

Mercoledì ci sarà la prima seduta pubblica con l’apertura delle buste (virtuali) e poi la commissione che dovrà essere composta vaglierà progetto tecnico e offerta economica.

La gara è stata indetta da Infrastrutture Lombarde su mandato di Regione Lombardia ed era aperta a tutta Europa con base d’asta di 12.999.369 euro Iva esclusa. Di questi circa 12 milioni e 600mila euro sono riferiti, secondo il quadro economico elaborato dai tecnici, all’esecuzione dei lavori (soggetti quindi a ribasso) e 400mila euro destinati agli oneri per la sicurezza. I costi per la manodopera sono stimati in circa 4 milioni. Nel bando è scritto esplicitamente che non saranno autorizzate varianti in corso d’opera, si legge esplicitamente nel bando. Proprio le varianti erano finite sotto la lente della Procura e dell’Autorità nazionale Anticorruzione. Varianti che avevano portato a un aumento esponenziale dei costi.

L’assegnazione dei lavori è prevista entro la fine dell’anno (ma, visto che il numero di offerte è limitato, potrebbero accorciarsi). Il cantiere, in ogni caso, non ripartirà prima dell’inizio dell’anno prossimo. Avrà una durata totale di 1.030 giorni, pari cioè a circa tre anni. I materiali dovranno essere trasportati via lago, utilizzando lo spazio comunale di Tavernola di fianco alla Navigazione e sono stati individuati gli spazi da adibire a stoccaggio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA