Patto tra Renzi e Maroni  «Ci sono  i soldi  per finire la tangenziale»
Il primo lotto della tangenziale di Como: meno di 2 chilometri e mezzo, da Grandate ad Albate

Patto tra Renzi e Maroni

«Ci sono i soldi

per finire la tangenziale»

Firmato ieri un accordo sulle infrastrutture, nell’elenco figurano il secondo lotto del collegamento e la Tremezzina. Il presidente della Regione: «Per completare le autostrade di Como e Varese ci sono 2,7 miliardi»

Ci sono i soldi per completare la tangenziale di Como. Oggi gli automobilisti devono accontentarsi del tratto realizzato tra Grandate e Albate, meno di due chilometri e mezzo, per di più a pedaggio. Ma, se prendiamo per buone le parole pronunciate ieri pomeriggio in una sede ufficiale dal presidente della Regione Roberto Maroni, il rischio di ritrovarsi con un’autostrada a metà è scongiurato.

L’annuncio è arrivato a Milano, davanti al presidente del Consiglio Matteo Renzi. Maroni e il premier hanno infatti sottoscritto il cosiddetto “Patto per la Lombardia”, un documento tutt’altro che simbolico visto che contiene l’elenco delle opere finanziate nella nostra regione per un ammontare complessivo che sfiora gli 11 miliardi di euro (sono per la precisione 10.745.273 euro).

«Non si tratta di ipotesi di investimento, queste risorse ci sono», ha detto Maroni. Poi ha spiegato che per completare la Pedemontana sono previsti 2 miliardi e 741 milioni di euro: «Il fatto che questi soldi siano inseriti nel Patto vuol dire che la Pedemontana si fa. E il sistema pedemontano significa naturalmente anche il completamento delle tangenziali di Como e Varese».

E proprio dal Fondo di coesione arriva un’altra promessa per i comaschi: «Ci sono i 110 milioni necessari per completare la variante della Tremezzina - spiega il sottosegretario regionale Alessandro Fermi - Una rassicurazione che il nostro territorio attendeva».


© RIPRODUZIONE RISERVATA