Pedemontana e tangenziale  «Il Governo ignora i comaschi»
La tangenziale di Como: nessun impegno del Governo per renderla gratuita

Pedemontana e tangenziale

«Il Governo ignora i comaschi»

Il vice ministro Rixi: «Nessun impegno e finanziamento», Braga e Butti: «Dopo le promesse di Maroni, lo scaricabarile di Lega e M5S»

Como

«Non è prevista l’erogazione di ulteriori finanziamenti e contributi a carico della finanza pubblica»: con queste poche parole il vice ministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi ha gelato le speranze dei deputati comaschi Chiara Braga (Pd) e Alessio Butti (FdI) che in Commissione Territorio Ambiente e Lavori Pubblici della Camera avevano depositato due interrogazioni urgenti per chiedere lumi sul completamento del secondo lotto della Pedemontana, sulla gratuità della tangenziale e sulla realizzazione delle opere di compensazione.

Rixi ha negato ogni impegno del governo Lega - 5 Stelle, limitandosi a un generico intento «di analisi e conseguente valutazione complessiva della situazione creatasi, anche con l’ausilio di esperti appositamente individuati».

«Stante l’impossibilità di adire a qualsiasi forma di project per il finanziamento dell’opera siamo costretti a pensare che la stessa non vedrà la luce» è stato il commento dei due parlamentari comaschi, che ieri pomeriggio al termine dei lavori della Commissione hanno diffuso una nota congiunta.

«Il gioco dello scaricabarile non funziona più, visto che oggi la Lega è al governo della Regione e del Paese - dice Chiara Braga, capogruppo Pd in Commissione Ambiente - Abbiamo capito che il Governo nazionale e quello regionale non hanno nessuna idea di come garantire il completamento di un’infrastruttura strategica come Pedemontana e di dare una risposta alle attese degli amministratori, delle imprese e dei cittadini comaschi. Penso che non si possa più accettare la presa in giro della Lega che in Regione vota per il completamento di Pedemontana mentre al Governo se ne lava le mani».

«La risposta del Governo mi soddisfa unicamente laddove si dichiara disponibile a ricorrere ad un pool di esperti per districare la matassa, come da me proposto durante l’illustrazione dell’interrogazione», commenta Alessio Butti, vice presidente della stessa Commissione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA