Polveri sottili Pm10

La soglia d’allarme

superata da 48 ore

Legambiente:rinviare l’accensione degli impianti di riscaldamento

Polveri sottili Pm10 La soglia d’allarme superata da 48 ore
È già emergenza smog in città

Non è buona la qualità dell’aria che si respira nella nostra città e già per un paio di giorni è stata superata la soglia limite dei 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili Pm 10: 53 mercoledì e 55 giovedì, secondo i dati rilevati dalla centralina dell’Arpa di viale Cattaneo. Il che significa che, stanti le attuali condizioni climatiche favorevoli all’accumulo di polveri, potrebbero verificarsi le condizioni che porteranno presto al blocco del traffico. Bastano infatti quattro giorni per far scattare le limitazioni alle vetture, con il fermo delle auto private diesel euro 3 ed euro 4 da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 18.30, e i veicoli commerciali diesel euro 3 nella stessa fascia oraria.

Prima però devono verificarsi le condizioni di supero: soltanto oggi si conoscerà la media di concentrazione delle polveri di ieri.

Sull’argomento interviene Legambiente per chiedere di rinviare l’accensione degli impianti di riscaldamento: «Anche quest’anno l’inizio di autunno ci regala il caldo dell’estate e lo smog dell’inverno e ci ricorda quanto poco è stato fatto, fino ad oggi per combattere in modo efficace le emissioni da traffico e in particolare da diesel - commenta la presidente Barbara Meggetto - L’emergenza è alle porte, e forse per una volta non c’è bisogno che sia scritto nero su bianco su un provvedimento d’urgenza: si potrebbe già iniziare domenica, giornata di apertura della stagione termica, prendendo atto che nei condomini non c’è nessun bisogno di accendere gli impianti termici ancora per molti giorni. Non aggiungiamo il fumo delle caldaie allo smog da traffico, teniamo spente le caldaie dei condomini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}