Preso con la marijuana in pieno giorno
Giardini a lago nel mirino dei carabinieri

Preso con la marijuana in pieno giorno

Arrestato dai carabinieri giovane di 23 anni ai giardini a lago

Ha scelto il giorno sbagliato per portare a termine i suoi affari: non sapeva che mercoledì pomeriggio la zona dei giardini a lago sarebbe stata presidiatissima dalle forze dell’ordine, per la partita che si sarebbe giocata nel tardo pomeriggio allo stadio Sinigaglia.

Ma l’arresto di un giovane spacciatore gambiano da parte del Nucleo operativo radiomobile dei carabinieri non è avvenuta per caso: l’area è sorvegliata anche al di fuori degli eventi sportivi, per evitare che, una zona così frequentata da famiglie, bambini e turisti, torni ad essere una sorta di terra di nessuno, come la scorsa estate, quando episodi di spaccio e risse erano all’ordine del giorno.

L’ultimo a cadere nella rete tesa dai carabinieri è stato un uomo di 23 anni, originario del Gambia, conosciuto dalle forze dell’ordine per altri episodi, e senza fissa dimora sul territorio nazionale.

Sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di nove grammi di marijuana, e della somma contante di 65 euro in banconote di piccolo taglio, quasi sicuramente, secondo gli inquirenti, provento dell’attività di spaccio. È stato arrestato su disposizione del pm di turno e trasferito alla casa circondariale del Bassone per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

I giardini a lago, area tra le più belle della città, restano dunque costantemente nel mirino delle forze dell’ordine.


© RIPRODUZIONE RISERVATA