Ragazzi, che spettacolo

Mai vista prima una Parada così

Torna anche il sole per il corteo in centro città - Coinvolti 600 figuranti e con loro migliaia di comaschi. Le foto di Andrea Butti

Ragazzi, che spettacolo Mai vista prima una Parada così
Anche le nubi hanno deciso di farsi da parte. Cielo blu sopra la città per la Parada
(Foto di fotoservizio andrea butti (pozzoni))

Una Como così sorridente, vitale e in festa capita di vederla una sola volta all’anno, ed è tutto merito della Parada Par Tücc. Ieri, per le vie del centro, è tornata la sfilata artistica a base di colori, buonumore e voglia di stare bene insieme.

Circa seicento in corteo, migliaia a guardare fra cui tantissime famiglie.

Un po’ di preoccupazione all’inizio, visto il tempo non troppo clemente («ma tanto il sole bacia i belli, quindi diventerà sereno», dicevano a ragion veduta i partecipanti), ma l’energia della manifestazione è riuscita nel miracolo di spazzare via le nuvole e le due gocce di pioggia scese a metà pomeriggio.

Si è partiti attorno alle 17 da via Milano Alta per attraversare piazza Vittoria, via Cesare Cantù, via Giovio, via vittorio Emanuele, via Indipendenza, via Luini, via Caio Plinio, piazza Perretta per poi arrivare, dopo alcune giravolte, in via Filippo Corridoni, dove la festa è continuata fino a notte con musica a cura de i Musicisti di Como.

La Parada è promossa da associazione Partücc in collaborazione con il Comune e il Centro servizi per il volontariato. Il tema scelto per quest’ottava edizione è “nuovi mondi”, declinato sia come spazio cosmico, sia come viaggio, integrazione e migrazione di persone.

Per questa edizione sono stati realizzati nei mesi precedenti 27 laboratori artistici e gratuiti, ai quali hanno partecipato più di 400 persone, con la collaborazione di 30 realtà tra associazioni, comuni, parrocchie e gruppi informali. Tutto reso possibile grazie alla passione dei volontari: nessuno è pagato e sono una quarantina gli organizzatori impegnati durante i mesi precedenti. Nessuna improvvisazione, quindi. Ma un lavoro e un’attenta preparazione, una coreografia festosa e un’occasione ineguagliabile di cittadinanza attiva.

Altre foto su La Provincia in edicola domenica 12 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA