Sanitopoli, un super esperto  per vigilare sugli appalti del Sant’Anna
COMO Il presidente della commissione sanità Fabio Rizzi (ora agli arresti) con Roberto Maroni

Sanitopoli, un super esperto

per vigilare sugli appalti del Sant’Anna

I vertici di ospedali e Ats in Regione. Onofri: «Un dirigente seguirà i nostri contratti». Nelle intercettazioni il direttore di Fondazione Minoprio, in auto con la “signora delle cliniche”

Tutti a rapporto da Roberto Maroni. Dopo lo scandalo che ha portato all’arresto - tra gli altri - del leghista Fabio Rizzi, presidente della commissione Sanità e braccio destro del governatore, i direttori generali di ospedali ed ex Asl sono stati convocati ieri pomeriggio in Regione.

Presenti all’incontro i direttori generali dell’Asst Lariana (ex azienda ospedaliera) Marco Onofri e dell’Ats Insubria (ex Asl) Paola Lattuada.

Per quanto riguarda il Sant’Anna e le altre strutture dell’azienda, Onofri annuncia una novità: «Le normative consentono di istituire una direzione che segua l’esecuzione dei contratti, io sono convinto che i controlli non siano un ostacolo ma un aiuto e quindi sto pensando di attivare qualcosa di simile. Non una vera e propria direzione, ma un dirigente fidato che si occupi di seguire i contratti. Un figura di garanzia in più, oltre a quelle già esistenti e ai controlli regionali».

Intanto, dalle intercettazioni dell’inchiesta “Smile”, sugli appalti per ambulatori odontoiatrici, spunta il nome del direttore generale di Fondazione Minoprio, Luca Galli (leghista, è anche vicesindaco di Castellanza). Paola Canegrati, già ribattezzata “la signora delle cliniche”, vuole ampliare il giro d’affari anche al di fuori della Lombardia e punta al Piemonte.

«Io con Chiamparino c’ho dei rapporti ottimi», dice Galli intercettato. E aggiunge: «Gli affari migliori si fanno sempre con i comunisti!».

Contattato ieri da La Provincia, il direttore generale di Fondazione Minoprio - che non è indagato - ha detto di non voler rilasciare dichiarazioni.
M. Sad.


© RIPRODUZIONE RISERVATA