Scandalo paratie  Anche altre opere  sotto inchiesta
COMO Il cantiere delle paratie è fermo dal dicembre del 2012 e, da allora, non è più ripartito

Scandalo paratie

Anche altre opere

sotto inchiesta

In Procura sono iniziati gli interrogatori. Il segretario generale del Comune di Como sentito dal pm come testimone

Le paratie, certo. Ma non solo. Quando i finanzieri del nucleo di polizia tributaria sono tornati in Comune per acquisire ulteriore documentazione nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla Procura di Como sulla scorta della solenne bocciatura dell’Anticorruzione al progetto, se ne sono venuti via con una serie di atti che con le paratie, almeno all’apparenza, non hanno nulla a che vedere.

Denominatore comune dei documenti acquisiti dalle fiamme gialle è la voce incarichi, consulenze e gare. Alla luce delle contestazioni mosse sia dall’Anac che dalla Procura sulle paratie, in fascicolo nel quale si ipotizza a carico di due dirigenti addirittura il reato di turbata libertà degli incanti, il pubblico ministero Pasquale Addesso - titolare del fascicolo - evidentemente vuole approfondire proprio il tema delle gare e dell’affidamento di incarichi e consulenze da parte di Palazzo Cernezzi.

Il magistrato ha già sentito a verbale diverse “persone informate sui fatti”. Tra i testimoni convocati in Procura nei giorni scorsi anche l’attuale segretario comunale di Palazzo Cernezzi, Tommaso Stufano.

I servizi su La Provincia in edicola lunedì 8 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA