Tassa rifiuti, bollettini in ritardo  Ma va pagata entro il 30

Tassa rifiuti, bollettini in ritardo

Ma va pagata entro il 30

Il termine per il versamento scade mercoledì, ma tanti comaschi non hanno ricevuto nulla a casa. Frisoni: «Sono in arrivo, qualcuno è già qui a lamentarsi»

C’è tempo fino a mercoledì prossimo per pagare la prima rata della tassa rifiuti (Tari). Molti cittadini, però, non hanno trovato nella cassetta delle lettere l’avviso con il modello F24 per effettuare il versamento in banca, in posta, oppure online. «Anch’io non ho ancora ricevuto nulla - dice l’assessore alle Politiche tributarie Paolo Frisoni - ma garantisco che i bollettini sono in arrivo. Qualcuno se l’è visto recapitare proprio oggi, per gli altri è questione di ore. Tutto è in fase di consegna, lo dimostra il fatto che sono già comparse alcune persone nei nostri uffici per chiedere informazioni o dirci che non sono in condizione di pagare».

Tra i comaschi che hanno ricevuto l’avviso, c’è chi ha notato un errore di stampa: nell’intestazione si parla di 30 luglio come termine per versare la prima rata, in realtà come detto la scadenza è il 30 settembre.

Tutti i dettagli sul quotidiano La Provincia in edicola venerdì 25 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA