Viale Varese, sosta sulle aiuole  Il Comune: siamo impotenti
Le auto parcheggiate sabato pomeriggio nei giardini di viale Varese, nel tratto pedonale e sotto le mura

Viale Varese, sosta sulle aiuole

Il Comune: siamo impotenti

Auto parcheggiate negli spazi pedonali nonostante i divieti

L’assessore: «Ci sono bus, battelli, parcheggi scontati e treni. La gente li usi»

Auto parcheggiate in sosta vietata sulle aiuole di viale Varese, sotto le mura e nei giardini pedonali incuranti del fatto che si tratti di una zona dove tutto questo non è consentito.

Alle lamentele di cittadini che hanno visto la fila di auto, ma nemmeno una multa il Comune risponde dicendo, sostanzialmente, di avere le mani legate. Transenne? «Non possiamo chiudere tutto». Multe? «Si possono fare, certo, ma le pattuglie sono poche». Rimozioni? «Non si possono fare perché il codice lo consente solo per grave intralcio alla circolazione o per situazioni di pericolo».

L’assessore alla Viabilità Vincenzo Bella si appella al buon senso e sbotta: «Sono indignato da questi comportamenti incivili».

Un lettore, sabato sera verso le 22, ha chiamato personalmente il comando della Polizia locale, ma le due pattuglie in servizio erano entrambe allo stadio impegnate nella gestione della viabilità del post partita. Nel pomeriggio, invece, le forze in campo erano superiori ed erano dislocate nei diversi punti di accesso alla convalle. Fatto sta che di multe non ne sono state date. L’assessore, come detto, boccia l’ipotesi di transennare l’area. «Transenne? Dovremmo farlo dappertutto allora. Le regole ci sono e devono essere rispettate. Il mio vuole essere un appello alla civiltà della gente perché non è accettabile pensare di poter parcheggiare dove si vuole. Questo non è un problema di presidio del territorio, ma di inciviltà. Certo, con più agenti a disposizione avremmo potuto dare le multe, ma le auto sarebbero comunque rimaste lì poiché non possono essere rimosse, come prevede il codice, se non intralciano la circolazione e non creano situazioni di pericolo». Bella va oltre e dice che non ci sono giustificazioni: «Abbiamo messo a disposizione mezzi pubblici aggiuntivi con sconti pesanti, davvero è necessario arrivare in auto in centro per parcheggiare sulle aiuole? Con un euro si può lasciare l’auto al Valmulini e scendere gratis in cinque persone in città in bus. Ci sono offerte per i treni e per i battelli. La gente è nelle condizioni di poter utilizzare i mezzi pubblici, invece non vuole fare il minimo sforzo». Dal canto suo l’assessore alla Polizia locale Elena Negretti sottolinea come nella giornata di sabato ci siano stati diversi eventi concomitanti che hanno impegnato gli agenti.

«C’era la viabilità da gestire anche con la chiusura di via Milano, l’area stadio da liberare per le auto parcheggiate nonostante i divieti (una quarantina quelle rimosse con i carro attrezzi, ndr) e le risorse di personale sono limitate».n 


© RIPRODUZIONE RISERVATA