Villa Olmo riapre

e fa subito il pieno

E c’è chi fa il bagno

TurismoCittà piena di visitatori italiani e stranieri

Lungolago e battelli presi d’assalto dalle famiglie

Villa Olmo riapre e fa subito il pieno E c’è chi fa il bagno
Primo giorno di apertura del parterre di Villa Olmo, i turisti hanno rispettato il divieto di calpestare l’erba delle aiuole
(Foto di butti)

Non ci si stupisce più, anzi. Ormai siamo abituati a vedere la nostra città piena di persone, che siano turisti o comaschi, desiderosi di godersi un giorno di festa. Ieri, però, nonostante fosse una giornata infrasettimanale, Como si è risvegliata zeppa davvero fino all’inverosimile di visitatori: hanno aiutato, di sicuro, il tempo soleggiato e il caldo, ma le percentuali d’occupazione degli alberghi per queste feste dimostrano come il Lario sia una fra le mete preferite d’italiani e stranieri.

La novità più importante di ieri ha riguardato l’apertura del parterre di villa Olmo, con i cancelli spalancati fino alle 23. Diverse persone sono passate, hanno fatto i classici selfie, si sono posizionati sulle parti in sasso a prendere il sole in costume e hanno occupato le vecchie panchine fisse nella fascia più vicina al lago per ammirare il panorama, in attesa di avere prossimamente quelle spostabili. Il divieto di calpestare i prati, come indicato bene dai cartelli di divieto collocati provvisoriamente nelle aree verdi, è stato rispettato da tutti, animali compresi.

Nella passeggiata verso lo stadio è comparso anche un camioncino attrezzato per le frittelle, mentre nella zona del tempio Voltiano, specie nel prato che lo separa dal monumento ai Caduti, una moltitudine di persone si è sdraiata a prendere il sole in costume, altri si sono messi a giocare con la palla e un paio ha compiuto evoluzioni con strumenti da giocolieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True