Giovedì 25 Febbraio 2010

Sanremo, ancora nessuna inchiesta
sul giallo del televoto al festival

 La Procura della Repubblica di Sanremo non ha ancora aperto alcuna inchiesta sul televoto che ha decretato il vincitore del Festival della canzone. E comunque la competenza sarebbe della Procura di Roma alla quale dovranno essere trasmessi gli atti. Lo ha confermato stamani il capo della Procura di Sanremo, Roberto Cavallone, commentando notizie di stampa sull'iter dell'esposto presentato nei giorni scorsi dal Codacons alla Guardia di Finanza di Roma ed all'Agcom per verificare eventuali irregolarità.
   "Non ho ricevuto ancora nulla e qualora dovessero trasmettermi gli atti, valuteremo l'eventuale esistenza di reati ed è presumibile che trasferiremo il fascicolo all'autorità giudiziaria di Roma", ha detto Cavallone.
   Anche la compagnia di Sanremo della Guardia di Finanza non
avrebbe ancora ricevuto copia dell'esposto del Codacons nè
alcuna querela di parte per truffa, necessaria per avviare
l'azione legale. Il Codacons, assieme all'Associazione utenti radiotelevisivi,
ha chiesto alla Guardia di Finanza e all'Autorità per le
garanzie nelle comunicazioni di sequestrare tutti i televoti che
hanno determinato i primi tre classificati al Festival e
verificare le utenze di provenienza per escludere che si tratti
di utenze collegate ad agenzie specializzate. La Guardia di
Finanza - chiede il Codacons - dovrà verificare anche se le
società private che gestiscono il televoto abbiano interessi o
rapporti economici con alcuni dei partecipanti alla gara.

b.faverio

© riproduzione riservata

Tags