Martedì 08 Giugno 2010

Festate compie i primi vent'anni
e getta uno sguardo all'Africa

Festate taglia l'importante traguardo delle venti edizioni: l'evento più atteso della stagione calda, immediatamente oltreconfine a Chiasso quest'anno si terrà il 18 e 19 giugno nella storica sede di piazza del Municipio. Il “Festival di culture e musiche del mondo” riscopre le sue origini gettando uno sguardo particolare sull'Africa senza dimenticare che anche dalle nostre parti ci sono personaggi capaci di mescolare abilmente spunti eterogenei per dare vita a una miscela esplosiva come è quella di Roy Paci & Aretuska, il nome di punta di una manifestazione che, oltre ai concerti, offre numerose attività collaterali: il mercatino Oasi e tanti altri eventi tra cui ci piace segnalare il bel progetto tutto comasco Musica Spiccia che si esibirà sabato alle 18. In omaggio all'importante anniversario, sono proprio i “Venti” il tema portante di “Festate 2010”. Scrivono gli organizzatori: “Sono venti benevoli, sono il flusso creativo e vitale che trascende frontiere, barriere religiose, razziali, linguistiche, culturali e che ci hanno condotto in questi anni a navigare alla scoperta di nuovi mondi. Sono quelli che ci portano ancora oggi a viaggiare attraverso paesi, culture, civiltà, a danzare i ritmi che caratterizzano la specifica identità di ogni popolazione”. Andando con ordine, la serata del 18 sarà aperta alle 21 dai Sierra Leone's Refugee All Stars, un collettivo nato da un'idea del musicista Reuben Koroma che ha riunito talenti scovati in un campo della Guinea. A seguire Justin Adams e Juldeh Camara: il primo è un chitarrista che vanta collaborazioni importanti con  Brian Eno, Peter Gabriel, Jah Wobble e i Tinariwen, l'altro è uno dei più bravi interpreti del griot con il suo ritti, il violino africano a una sola corda, con cui attraversa, magicamente, i continenti e le epoche per portare l'ascoltatore dal cuore dell'Africa a quello del blues, nel Mississippi. Poi ancora gli Hoba Hoba Spirit, marocchini che definiscono la loro “Hayha music”, dove “haya” è il nome di una festa tradizionale scatenata in termini di ballo. Per loro si sono scomodati pertinenti paragoni con Clash, Pogues e Mano Negra. Il primo di due eventi speciali, “Venti ruvidi”, concluderà questa prima serata proponendo una grande jam session con tutti i musicisti. Il 19, sempre alle 21, l'apertura è affidata allo Gnu Quartet che all'amore per la world music sposa un'autentica passione per i cantautori più nobili affidando il tutto a un ensemble atipico con flauto, violino, viola e violoncello. Dopo di loro El Bicho che arrivano da Madrid e propongono una originale fusione di flamenco e rock con accenti progressivi. Non ha bisogno di presentazioni Roy Paci viste le sue sempre più frequenti incursioni televisive: basti dire che “Latinista”, il suo ultimo album, è da pochi giorni in tutti i negozi di dischi, reali e virtuali. Infine “Venti sonanti”, ovvero la seconda grande jam session dove, ne siamo sicuri, alla fine sul palco ci saranno più di venti musicisti. L'ingresso alla piazza per la prima serata costa 10 euro mentre sabato “Festate”è gratuito.
Prevendite a Como da Renata Music (info: 031/26.81.61), a Chiasso al Cinema Teatro (info: 004191/695.09.14). Guarda il video

Alessio Brunialti

b.faverio

© riproduzione riservata

Tags